Il Comune di Cetraro chiama, la Provincia di Cosenza risponde

  Primi concreti   della Provincia di Cosenza sulla Sp 26 Cetraro-Sant’Angelo, a seguito di un sopralluogo effettuato dal consigliere provinciale Ermanno Cennamo, dal consigliere comunale di Cetraro Tommaso Cesareo e dal responsabile della viabilità provinciale, Giuseppe Arcuri

Primi concreti interventi della Provincia di Cosenza su un’arteria provinciale del territorio di Cetraro. Le numerose criticità presenti sulla strada provinciale SP 26 Cetraro-Sant’Angelo, segnalate nei mesi scorsi dal consigliere comunale con delega al Turismo di Cetraro, Tommaso Cesareo, attraverso una lettera inviata al responsabile della Viabilità della Provincia di Cosenza, sono state, infatti, attentamente vagliate nel corso di un sopralluogo che giovedì mattina hanno effettuato, nelle zone maggiormente danneggiate, il consigliere provinciale Ermanno Cennamo, lo stesso Tommaso Cesareo, e il responsabile della viabilità provinciale, Giuseppe Arcuri.

“Ho effettuato – ha dichiarato, a margine del sopralluogo, il consigliere provinciale Ermanno Cennamo, confermando, pertanto, una soluzione a breve dei problemi riscontrati – insieme al responsabile della viabilità della Provincia di Cosenza, Giovanni Arcuri, e al consigliere comunale Tommaso Cesareo, un sopralluogo sul tratto di strada Sp 26, per concordare e trovare soluzioni alle criticità esistenti”.

Nei giorni scorsi, inoltre, Tommaso Cesareo si era rivolto direttamente proprio a Cennamo, facendo nuovamente presenti le evidenti condizioni critiche in cui versa la strada in questione e invocando immediati interventi in merito. “Carissimo Ermanno – aveva, in particolare, scritto Cesareo – il 7 settembre scorso scrissi una lettera indirizzata al responsabile del Settore viabilità della Provincia con la quale informavo l’amministrazione provinciale del grave stato in cui versa la strada provinciale SP 26, in particolare nel tratto iniziale di Località Motta Sottostrada, già da tempo oggetto di smottamento a valle. La situazione si è ulteriormente aggravata al punto da far temere pericolo per la pubblica incolumità. Stessa situazione sul tratto che attraversa la via Caprovini. Infine, nei pressi di San Pietro Basso c’è da tempo una buca che sta diventando una vera e propria voragine, rappresentando di fatto un altro pericolo per gli automobilisti. Confido nel tuo interessamento e nel tuo impegno, in qualità di neoconsigliere provinciale, che, sono sicuro, non mancherà”.

 

 Clelia Rovale