Fogne della Cittadella a cielo aperto, indaga la Procura

Dopo il furto al sistema di depurazione, le acque reflue sono sversate direttamente nella valle del Corace

Da oltre un anno parte le acque reflue provenienti dalla Cittadella regionale e dai caseggiati presenti nell’area di Germaneto invece di essere canalizzate verso il depuratore sono disperse nella vicina valle del Corace. Questo è avvenuto in seguito al furto del gruppo elettrogeno, che alimentava l’impianto di sollevamento, e che ha messo fuori uso il sistema di collettamento dei liquidi fognari. Da allora le acque nere non vengono più trattate attraverso il depuratore ma sversate nel fiume Corace.  Un presunto inquinamento ambientale che a seguito delle attività d’indagine dei carabinieri del Noe fatte di sopralluoghi nell’area e   campionamento dei liquidi è diventato  un   fascicolo aperto alla  Procura di Catanzaro.