Droga e armi, demolito “Fortino”, 17 arresti tra Sicilia e Calabria

Contestati i reati di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, spaccio di sostanze stupefacenti porto e detenzione di armi e munizioni e associazione finalizzata al furto di ciclomotori ed altro

 Un’associazione criminale siculo-calabrese, specializzata nel traffico di sostanze stupefacenti in grado di avere il controllo del territorio. E’ quanto scoperto dalla Squadra mobile di Messina che ha eseguito 17 arresti nell’ambito dell’operazione “Fortino”. A vario titolo contestati i reati di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, spaccio di sostanze stupefacenti porto e detenzione di armi e munizioni e associazione finalizzata al furto di ciclomotori ed altro. Gli arresti su richiesta della procura distrettuale diretta dal procuratore capo di Messina Maurizio de Lucia. L’indagine, iniziata a seguito del sequestro di cinque chili di droga, ha permesso di scoprire che nel vico Fede, nel quartiere di Valle degli Angeli, una zona vicino al centro cittadino di Messina, operava un gruppo che secondo gli investigatori, aveva messo in piedi un traffico di droga con grossi introiti. “Un’organizzazione criminale che controllava un intero rione diventato difficile da penetrare” ha detto il procuratore aggiunto Rosa Raffa che ha coordinato le indagini. Il vico Fede dove abitavano Michele Arena e Francesco Arena, considerati i promotori dell’organizzazione, era la base del gruppo che trattava hashish e marijuana.
   “Fortino – prosegue il procuratore Raffa – e’ il nome dell’operazione che corrisponde allo stato di impermeabilita’ dell’associazione che abbiamo ricostruito sia da punto di vista della accessibilita’ dei luoghi sia dal punto di vista della impermeabilita’ alla legge ed allo Stato”.
Dalle indagini e’ emerso che la droga arrivava dalla Calabria “secondo tradizionali e consolidati rapporti- aggiunge Raffa – che vedono il malaffare gestito in maniera reciproca, ma piu’ spesso con rifornimenti che vengono dalla Calabria e che vedono Messina non piu’ solo terra di passaggio ma destinazione finale della sostanza stupefacente. Messina e’ un mercato di primaria importanza”. Nel corso delle indagini la Squadra mobile e’ riesciuta a sequestrare per due volte della droga tenendo in segreto il sequestro, mettendo in allarme il gruppo che credeva di aver subito dei furti e aveva iniziato a progettare ritorsioni su possibili responsabili, per poi scoprire che la droga non era stata rubata, ma sequestrata dalla polizia.
   L’operazione ha offerto anche uno spaccato della criminalita’ in citta’: “Con le ultime indagini in materia di criminalita’ organizzata – conclude il procuratore aggiunto Raffa – registriamo che i gruppi cittadini pur rimanendo distinti e tendenzialmente legati a quartieri del territorio della citta sono piu’ disposti rispetto al passato a comunicare tra loro ed a trattare anche alcuni affari”. Gli arrestati sono Lorenzo Anghelone residente a Bagaladi (Reggio Calabria), d i messinesi Francesco Arena, Michele Arena. Antonio Bonanno, Bartolo Buce’, Filippo Cannavo’, Ugo Carbone, Giovanni Cortese detto “U Criaturi”, Paolo Mercurio, Angelo Mirabello, Paolo Francesco Musolino, Mario Orlando. Pietro Raffa, Santoro Rosaci di Melito Porto Salvo, i messinesi Francesco Russo, Gaetano Russo e Luigi Siracusa.