‘Ndrangheta, indagato rimesso in liberta’ da Tribunale liberta’

Il Tribunale della Libertà di Catanzaro (Giuseppe Valea, presidente, a latere Michele Cappai e Giuseppe De Salvatore, giudici) ha accolto il riesame proposto dagli avvocati Francesco Gambardella e Nunzio Raimondi, nell’interesse di Pasquale Lupia, 55 anni, di Lamezia Terme, arrestato il 20 febbraio 2017 per il reato di associazione per delinquere di stampo mafioso. L’ordinanza venne annullata dal Tribunale della Liberta’ di Catanzaro con provvedimento del 22 marzo successivo, ma la procura distrettuale antimafia di Catanzaro fece ricorso per Cassazione ottenendo, l’annullamento del provvedimento del Tribunale della Liberta’,al quale vennero rimessi gli atti per un nuovo giudizio. Il 26 luglio scorso 8 il Tribunale della Liberta’ di Catanzaro e’ stato nuovamente chiamato a pronunziare sull’ordinanza del Gip applicativa della misura della custodia in carcere a seguito dell’annullamento della sua ordinanza dalla Corte di Cassazione. Con provvedimento depositato ieri il Tribunale della Liberta’ ha accolto il Riesame avanzato dagli avvocati Raimondi e Gambardella, che hanno divulgato stamane la notizia, ed ha nuovamente annullato l’ordinanza del Gip per mancanza di esigenze cautelari mantenendo in liberta’ Lupia.