‘Ndrangheta, beni per 1,6 milioni sequestrati a Reggio Calabria

Beni immobili e rapporti finanziari per un valore complessivo stimato di circa 1.600.000 euro sono stati sequestrati dai finanzieri del comando provinciale di Reggio Calabria e del Servizio Centrale Investigazione Criminalita’ Organizzata di Roma, coordinati dalla procura distrettuale antimafia della citta’ dello Stretto.

I militari hanno eseguito due provvedimenti emessi dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria, su richiesta del Procuratore Aggiunto Calogero Gaetano Paci e del sostituto procuratore Francesco Ponzetta. Il patrimonio sequestrato, intestato o riconducibile a Domenico Chila’, 78 anni, al defunto Giovanni Alampi ed ai rispettivi nuclei familiari, e’ costituito da 9 unita’ immobiliari, 2 terreni, quote di fabbricati, nonche’ disponibilita’ finanziarie.

I nomi dei destinatari del provvedimento erano emersi nel corso delle indagini legate all’operazione “Crimine” del 2010, quando erano stati destinatari di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere perche’ accusati, con altre 119 persone, di associazione per delinquere di tipo mafioso, in quanto legati alla “locale” di ‘ndrangheta operante nelle frazioni Trunca e Allai del capoluogo calabrese. Sia Chila’ che Alampi furono condannati con sentenza definitiva, rispettivamente, a 4 anni e 8 mesi ed a 6 mesi di reclusione. Le indagini dei finanzieri avrebbero ricostruito le disponibilita’ patrimoniale dei due, evidenziandone la sproporzione rispetto ai redditi dichiarati.