Frana nel Crotonese, la Procura nomina un consulente tecnico

La Procura della Repubblica di Crotone ha nominato un consulente tecnico d’ufficio nell’ambito delle indagini sull’incidente avvenuto domenica scorsa nel quale hanno perso la vita l’imprenditore crotonese Massimo Marrelli e tre suoi operai. Il sostituto procuratore Andrea Corvino, titolare delle indagini, ha conferito l’incarico all’ingegnere Roberto Arcadia che avra’ il compito di eseguire una perizia sullo stato dei luoghi in cui e’ avvenuto l’incidente, di verificare se siano state adottate le necessarie misure di sicurezza nell’effettuare i lavori dello scavo nel quale hanno perso la vita i quattro uomini.
Intanto i carabinieri della Compagnia di Crotone, che indagano sull’episodio insieme ai militari della Tenenza di Isola Capo Rizzuto, stanno ascoltando il racconto degli altri operai che quella notte si trovavano sul luogo dell’incidente e che hanno avuto salva la vita solo perche’ non erano scesi come i loro colleghi e Marrelli nello scavo profondo sette metri, le cui pareti ad un certo punto hanno ceduto seppellendo le quattro persone che vi si trovavano dentro. I carabinieri devono infine accertare chi fosse il committente dei lavori che si svolgevano all’interno della tenuta dell’imprenditore.