Metro Cosenza-Rende-Unical: in migliaia in corteo per il no

Migliaia di persone hanno partecipato, nel pomeriggio di oggi, alla manifestazione indetta dal Comitato No Metro di Cosenza, che si batte contro la realizzazione della metrotranvia Cosenza-Rende-Unical. I manifestanti hanno chiesto, con striscioni e cori, quali siano “le vere motivazioni che ci sono dietro l’ostinazione a voler costruire un’opera avversata dalla cittadinanza e che, come sarebbe stato dimostrato da alcuni calcoli, non sarebbe poi sostenibile dai Comuni di Cosenza e Rende”.


Nei giorni scorsi e’ stato anche presentato un documento alla Prefettura. Un lungo corteo e’ partito dall’area di inizio dei cantieri della metro per poi snodarsi lungo il centro della citta’. Una raccolta di firme e’ stata poi promossa in viale Arabia, sull’isola pedonale. Sulla metro cosentina si sono, nei giorni scorsi, scontrati ancora una volta, dopo una momentanea tregua, il sindaco della citta’, Mario Occhiuto, e il presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio. Il sindaco, inizialmente contrario alla realizzazione, aveva poi accettato un compromesso, che vedeva, insieme alla metro, la costruzione anche di altre opere, tra cui un parco benessere e il museo di Alarico. L’Aterp, ente regionale proprietaria dell’ex Hotel Jolly, che dovrebbe essere abbattuto per far posto al museo, ha pero’ fatto bloccare dal Tar l’abbattimento dell’immobile, facendo retrocedere il sindaco sulle sue precedenti posizioni.