Depuratori sequestrati nel Reggino, impianti in custodia alla Regione

Sono stati dati in custodia giudiziale alla Regione Calabria i 14 impianti di depurazione di acque reflue sequestrati dalla Capitaneria di Porto nell’ambito dell’operazione “Mala Depurazione” coordinata dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria.

In particolare è stato nominato custode giudiziale di tutti gli impianti, con facoltà d’uso, il dirigente del Dipartimento 11 Ambiente della Regione Calabria, Orsola Reillo.

In capo al dirigente vi è però l’obbligo di conformare urgentemente lo stato di fatto e diritto degli impianti alle prescrizioni di legge e di regolamento entro e non oltre 45 giorni dalla notifica del provvedimento cautelare.