La Sa-Rc non finirà mai, sbloccato appalto da 45 mln

Si tratta di lavori di manutenzione straordinaria dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria dal km 433+765 al km 442+007 tra lo svincolo di Campo Calabro (escluso) e lo svincolo di Santa Caterina (incluso)

L’Autostrada del Mediterraneo, la Sa-Rc, inaugurata lo scorso dicembre non è affatto terminata. Migliorata ma non finita.

I lavori in corso infatti continuano. Ieri il Consiglio di Stato ha scritto la parola fine a un appalto da 45 milioni di euro per «Lavori di manutenzione straordinaria dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria dal km 433+765 al km 442+007 tra lo svincolo di Campo Calabro (escluso) e lo svincolo di Santa Caterina (incluso)».

Lavori che ora proseguiranno. Non si può certo negare che gli ultimi interventi hanno migliorato la viabilità e reso la Salerno-Reggio Calabria un’autostrada più sicura e scorrevole.

L’agenzia di stampa Agi, che tempo fa ha percorso per intero i 375 chilometri, racconta carreggiate a tre corsie, “fornite di gallerie rifinite e illuminate alla perfezione e manto stradale nuovissimo in diverse zone”.

Ma non solo: la A3 si candida ad essere la prima smart road al mondo, completamente cablata alla rete internet per permettere alle self-driving-cars di orientarsi nello spazio ed agli automobilisti di collegarsi al wi-fi. Agi certifica che la tecnologia è già operativa nei primi 100 chilometri, da Salerno a Padula Buonabitacolo. Ma i lavori e i cantieri proseguono.

Si legge nella sentenza di ieri del Consiglio di Stato che ha ribaltato la sentenza di primo grado del tar:

“Con ricorso al Tribunale amministrativo regionale della Calabria – sezione staccata di Reggio Calabria – integrato da motivi aggiunti, le società A. & I. Della Morte s.p.a., Francesco Comune Costruzioni s.r.l., A.E.T. – Ambiente, Edilizia e Territorio s.r.l. e Nuova Fise s.r.l. impugnavano gli atti della procedura ristretta per l’affidamento in appalto dei «Lavori di manutenzione straordinaria dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria dal km 433+765 al km 442+007 tra lo svincolo di Campo Calabro (escluso) e lo svincolo di Santa Caterina (incluso)» – intervento inserito fra le infrastrutture strategiche di cui alla delibera CIPE n. 21 del 21 dicembre 2001, in conformità a quanto previsto dalla legge 21 dicembre 2001, n. 443 (c.d. legge obiettivo) – indetta dall’ANAS s.p.a. (con bando pubblicato il 17 luglio 2015 e successiva lettera di invito del 23 marzo 2016). 2. All’esito della selezione sulla base d’asta di € 44.401.638,40 la gara era aggiudicata al raggruppamento temporaneo di imprese con capogruppo il Consorzio stabile Steelconcrete (provvedimento del presidente n. 3 del 16 gennaio 2017). Quest’ultimo, sebbene fosse stato escluso dalla gara per avere presentato a titolo di cauzione provvisoria una fideiussione emessa da un intermediario finanziario non autorizzato, era tuttavia successivamente riammesso, dopo l’annullamento in sede giurisdizionale di tale esclusione (sentenza del 20 luglio 2016, n. 829 del Tribunale amministrativo regionale di Reggio Calabria). Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta), definitivamente pronunciando sugli appelli principale e incidentale, come in epigrafe proposti, così provvede: – accoglie nei sensi di cui in motivazione l’appello principale; per l’effetto, in riforma della sentenza di primo grado, respinge il ricorso principale ed i motivi ad esso aggiunti ed accoglie il ricorso incidentale”.