Mare sporco, il Codacons deposita denuncia

"Basta con gli inviti all'omertà"

Addio bagno, tutti a riva ad ammirare uno spettacolo vergognosamente triste.
Ora arriverà l’esperto di turno a spiegarci che si tratta di una normalissima fioritura dei carciofi di mare o dell’impollinazione dell’albero della cuccagna.
Hanno ridotto il mare, come una gigantesca pattumiera, per scaricare tutto ciò che i depuratori non riescono a depurare – sostiene Francesco Di Lieto – oltre a farlo diventare il terminale di tutti gli scarichi abusivi.
Una “buona pratica” che oggi è drammaticamente sotto gli occhi di tutti.
Ma guai a parlare di inquinamento.
Si correrebbe il rischio di indispettire l’assessore Orsomarso, i sindaci e le folte schiere di osannanti e disinteressati sostenitori.
Per questo motivo, non volendo nasconderci dietro il “polline” o le “alghe”, e per non urtare la suscettibilità di molti portatori di fascia, le definiremo cicale.
Anche se, a differenza di queste ultime, queste bizzarre bollicine non preannunciano una giornata particolarmente afosa, ma costituiscono un subliminale invito ad uscire dall’acqua e rimanere in attesa che passi presto a “nuttata”.
In fondo le nostre “cicale” hanno un sapore mistico, al pari delle madonne piangenti.
Come quelle che vediamo sorridenti in televisione, munite di fascia tricolore, salutare i bagnanti.
Quelle che si alterano quando qualcuno denuncia e che si voltano dall’altra parte quando la cacca galleggia.
Quelle che sostengono come sia meglio ignorare: suvvia solo d’estate si notano le cicale, d’inverno vige il principio “occhio non vede, cuore non duole”.
Cari Sindaci, è ora di finirla con questi inviti all’omertà: denunciare non equivale a denigrare.
Offende il territorio chi scarica le porcherie che oggi galleggiavano beatamente nelle acque del mare; offende il territorio chi chiude gli occhi sui depuratori inefficienti e sugli scarichi abusivi…non chi denuncia.
E poiché non vogliamo andare a Iesolo o a Riccione, così come gentilmente ci invitavano a fare, quando si osa protestare, abbiamo deciso di chiedere l’intervento della Procura della Repubblica.
L’associazione ha depositato questa mattina un esposto corredato da numerose foto e da un video, per chiedere una verifica delle condizioni di efficenza di tutti i depuratori della costa oltre ad una verifica circa la presenza di scarichi abusivi che distruggono le indubbie bellezze della nostra regione.

(Tratto da Pillamaro)