Fermato albanese accusato di aver accoltellato diciassettenne a Villa San Giovanni

    Il ventenne, di origini albanesi ma residente a Villa San Giovanni, incensurato, è accusato di tentato omicidio.

    Reggio Calabria – Un giovane di 20 anni, riconosciuto dalla vittima, è stato fermato dai carabinieri con l’accusa di essere il responsabile dell’accoltellamento del diciassettenne avvenuto ieri nel corso di una rissa a Villa San Giovanni, nel reggino.

    Il ventenne, di origini albanesi ma residente a Villa San Giovanni, incensurato, è accusato di tentato omicidio. Altri cinque giovani, coinvolti nella rissa avvenuta nei pressi dell’ingresso dell’Istituto professionale alberghiero e culminata col tentato omicidio del diciassettenne, sono stati denunciati dai carabinieri in stato di libertà.

    Secondo quanto è emerso dalla ricostruzione dei fatti da parte dei carabinieri, il diciassettenne sarebbe stato ferito perché avrebbe tentato di fare da paciere in una lite per futili motivi scoppiata tra due giovani, uno dei quali, per reazione, l’avrebbe accoltellato.