Visite ai malati, a Cosenza arriva la stanza degli abbracci

Emozioni a centimetro zero nelle strutture IGreco

Una stanza degli abbracci per rendere meno dolorosa la separazione tra le persone costrette alla degenza ed i familiari che vivono questo distaccamento e l’impossibilità di vedere un proprio congiunto da vicino con angoscia e preoccupazione per via dell’emergenza covid. È stata allestita all’interno della casa di cura Madonna della Catena. A darne notizia è Giancarlo Greco, responsabile de iGreco Ospedali Riuniti sottolineando l’impegno che il Gruppo continua ad investire, da un lato, rispetto alla prevenzione e dall’altra nella valorizzazione dell’aspetto umano rispetto alla mera prestazione sanitaria. Le immagini e le testimonianze di questi mesi – aggiunge – ci hanno testimoniato la solitudine e l’impotenza di malati e congiunti di fronte al muro che il virus ha costruito intorno a sè. Pur potendo contare sul valido supporto delle psicologhe Carmelina Magarò e Carmen Marasco, sempre molto attente e vicine ai degenti nell’affrontare il percorso di degenza, abbiamo voluto introdurre nella struttura questo angolo speciale, per far superare e rendere meno invalicabile questa barriera e mettere le famiglie nelle condizioni di potersi guardare negli occhi ed abbracciarsi, a centimetro zero. Un’attenzione in più per quanti si trovano ricoverati per affrontare percorsi di riabilitazione neurologica, respiratoria, cardiologica ed ortopedica. Riteniamo che la cura delle emozioni – aggiunge – valga molto nel percorso della riabilitazione e che aprire alle visite, dopo tanto tempo di chiusura, possa rappresentare un momento importante. Pensiamo alle persone anziane, in particolare, a quanti hanno avuto un ictus o hanno subito un intervento ortopedico. La stanza degli abbracci è stata allestita nella casa di cura Madonna della Catena, accreditata col Sistema Sanitario Nazionale per la riabilitazione intensiva, estensiva e per gravi celebrolesi. Si tratta di un box con una parete in plastica trasparente, elastica ma allo stesso tempo robusta per consentire la percezione tattile. L’abbraccio avviene attraverso delle apposite maniche che permettono di stringersi le mani e accarezzarsi.