“Guide spericolate” di Diamante《Daniela e Dante Marsiglia non c’entrano nulla con l’inchiesta “Re Nudo”》

Il legale della consigliera di minoranza precisa a "il Fatto di Calabria": si tratta di evidente omonimia

Scrivo nell’interesse dei sig.ri Daniela Marsiglia, nata a Praia a Mare il 28/10/1974, residente in Diamante ( CS ) alla Via S. Boezio n. 10, e Dante Marsiglia, nato a Mormanno il 5/03/1943, residente in Diamante ( CS ) alla via S. Boezio n. 10, in merito alla pubblicazione di un articolo effettuata in data 19 dicembre 2020 sul Vostro quotidiano online “ il fatto di Calabria “ dal titolo “ Guide spericolate di Diamante, piange anche l’opposizione….. “
Nel citato articolo si fa riferimento a due precisi episodi occorsi nelle date del 22/02/2017 e nel mese di maggio 2017, che vedrebbero coinvolti rispettivamente la sig.ra Daniela Marsiglia ed il sig. Dante Marsiglia quali soggetti che avrebbero ottenuto il rinnovo della patente di guida sulla base di visite mediche attestate dalla persona indagata nell’indagine denominata “ Re Nudo “, dr. Mario Russo, ma mai realmente effettuate.
Faccio presente che i fatti narrati e le persone citate nel suddetto articolo giornalistico non possono assolutamente essere ricollegabili ai miei assistiti considerato che la sig.ra Daniela Marsiglia ha effettuato il rinnovo della propria patente di guida in data 19/01/2013 con scadenza il 28/10/2023, mentre il sig. Dante Marsiglia ha ottenuto il rinnovo del proprio documento di guida in data 23/04/2018 con scadenza il 05/03/2021.
Trattasi, dunque, di circostanze non veritiere o comunque non riconducibili alle persone della sig.ra Daniela Marsiglia, nata a Praia a Mare il 28/10/1974, residente in Diamante alla via S. Boezio n. 10, consigliere di minoranza del comune di Diamante, e al di lei genitore sig. Dante Marsiglia nato a Mormanno il 05/03/1943, residente in Diamante alla via S. Boezio n. 10.
Per tutto quanto detto chiedo l’immediata smentita/rettifica, nei termini sopra specificati, di quanto riportato nel citato articolo, con la collocazione prevista per legge e con analogo risalto a quello riservato al brano giornalistico cui la rettifica si riferisce.
Mi riservo, in ogni caso, le azioni legali a tutela dell’immagine dei miei assistiti.

Prendiamo atto che nella rettifica inviataci si attestano riferimenti a date e circostanze, in merito al rinnovo delle patenti di Daniela e Dante Marsiglia, che non sono coincidenti con quanto contenuto nelle carte dell’inchiesta “Re Nudo”. Carte nelle quali tale Daniela Marsiglia e Dante Marsiglia compaiono (sia pure non da indagati) per fatti che riguardano rinnovi di patente in date diverse. In particolare oggetto di indagine sono due rinnovi del 2017 mentre nella rettifica si fa presente che Daniela Marsiglia, consigliera comunale di minoranza, e il padre hanno rinnovato la patente rispettivamente nel 2013 e nel 2018. Si tratta, evidentemente, di omonimia. Ci scusiamo con gli interessati