Il “vento dello Jonio” nella squadra di governo

Gianluca Gallo si porta appresso le aspettative della Sibaritide e del litorale cosentino. Un territorio imponente che stavolta ha tutta l'aria di voler contare nella Regione che sta per arrivare

 

La squadretta geopolitica del potere da disegnare sarà pure superata come tecnica (anche se non è vero, va sempre di moda) ma ci sono territori e territori e, soprattutto, competizioni e competizioni. E stavolta, dietro e dentro le urne di domenica, c’è la Sibaritide e lo Jonio cosentino a “spingere” per un ingresso al tavolo che conta, il tavolo della prossima giunta regionale. Un territorio generoso di produzioni e ambizioso per potenzialità, che dai tempi di Giovanni Dima non conosce un ingresso serio nella stanza dei bottoni. Ma stavolta, questa perlomeno è l’aria che tira, le condizioni pare possano esserci tutte per un riconoscimento della Sibaritice nella prossima squadra di governo.
È Gianluca Gallo a portare sulle spalle il “fiato” di questa scommessa. Consigliere regionale uscente e coordinatore provinciale di Forza Italia. Fatta salva la britannica e scolastica metafora che la palla è rotonda la verità vera è che nel centrodestra (largamente favorito in questa competizione) si è già alla possibile e razionale divisione delle magliette e delle deleghe. E Gianluca Gallo, questo almeno racconta chi ne osserva le movenze sul territorio, dovrebbe raccogliere il seminato e cioè una presenza più o meno assidua attorno ai problemi che circondano la zona. Dalla sanità, alla produttività, all’emergenza criminalità. Gallo c’è stato e c’è a monitorare sulla Sibaritide e sul litorale del Cosentino e ora la “spinta” dello Jonio la si misurerà dietro e dentro le urne. Ma non sono in pochi quelli che indicano proprio in lui, in Gianluca Gallo, quella che può essere la “postazione” territoriale nella prossima squadra di governo. Il ritorno della Sibaritide, delle sue piaghe ma anche dei suoi indiscussi stimoli, nella stanza dei bottoni.