La meteorologia marina e l’allerta meteo

 Concluso il convegno organizzato a Cetraro

La meteorologia marina e l’allerta meteo sono state il tema di un interessante convegno che si è svolto nei giorni scorsi presso la sala convegni del Porto di Cetraro, organizzato dalla Lega navale italiana, sezione di Cetraro, in collaborazione con l’Ufficio circondariale marittimo di Cetraro, il Comune di Cetraro e il Porto di Cetraro Marina Resort e finalizzato alla sicurezza in mare. Le relazioni sono state tenute da Fabio Zimbo, ingegnere e meteorologo certificato WMO – RAI Pubblica Utilità per la regione Calabria, e dal Tenente di vascello (C.P.) Fabio Palombella, comandante del Circomare di Cetraro. In particolare, Fabio Zimbo, dopo una sintetica introduzione alla meteorologia, si è soffermato sui fenomeni di maggior interesse per i diportisti, focalizzando l’attenzione sui parametri basilari quali il vento e la pressione (con le rispettive modalità di misura), nonché sulle aree di bassa e alta pressione, i fronti, i tipi di nuvole, il moto ondoso (con classificazione e caratteristiche), nonché sugli effetti locali che potenzialmente potrebbero verificarsi (con particolare riguardo ad eventuali fenomeni estremi), in modo da indirizzare le scelte del diportista. Sono, inoltre, state fornite le informazioni di base per giungere a una previsione di massima in un intervallo temporale che può variare da poche ore sino a tre giorni, valorizzando sia le semplici osservazioni dei parametri meteorologici suddetti e del tipo di nuvolosità, sia la lettura e corretta interpretazione dei bollettini e delle carte sinottiche disponibili ormai agevolmente sui differenti media. A sua volta, il comandante Fabio Palombella ha illustrato i compiti e gli interventi che la Guardia costiera svolge, soprattutto nel caso di condizioni meteo avverse, ribadendo, nello specifico, le cautele che devono essere mantenute da chiunque affronti il mare in condizioni precarie in previsione di peggioramento, tenendo in conto che nel Tirreno meridionale la distanza tra due porti contigui cui rifugiarsi è notevole e che il tempo per raggiungere il riparo più vicino può essere anche di parecchie ore. All’incontro hanno, inoltre, partecipato il presidente della Lni di Cetraro, Michele Vattimo, il sindaco di Cetraro, Angelo Aita, e Nadia Pugliese e Massimo Aita, rispettivamente direttore e responsabile della struttura Porto di Cetraro Marina Resort, che, come è noto, anche quest’anno ha ricevuto per la seconda volta la Bandiera blu. Lo stesso incontro è stato moderato da Sergio d’Elia, già professore ordinario di Trasporti presso l’Università della Calabria.

Clelia Rovale