Comune Castrovillari, dipendenti proclamano stato agitazione

Si e’ svolta un’assemblea unitaria delle organizzazioni autonome e confederali al Comune di Castrovillari, organizzata dalla RSU alla presenza dei segretari territoriali, presenti Benedetto Di Iacovo, Vincenzo Casciaro ,Silvano Scarpino, tutti i rappresentanti delle RSU e la RLS.

“Tanti – spiega una nota dei sindacati – gli argomenti passati in rassegna, da quello piu’ sentito, che ha toccato profondamente tutti proprio per la modalita’ e le scuse incompresibili e le ragioni addotte dell’amministrazione, riferite al mancato pagamento degli Stipendi. Quindi in rassegna anche le tante disapplicazioni contrattuali, a partire dal salario accessorio e le tante indennita’ non corrisposte ai dipendenti, soprattutto a quelli a tempo determinato. Ancora il non avvio del tavolo della contrattazione decentrata per la sottoscrizione del previsto Contratto integrativo decentrato, ormai giunto quasi a fine anno. Non potevano poi non essere sottolineate tante altre scorrettezze, a partire dal mancato rispetto del ruolo del sindacato e delle Rsu nell’ambito dell’ente, sia da parte dell’amministrazione che della dirigenza, abbastanza evidenti e non piu’ sopportabili. In questa amministrazione e gia’ da piu’ tempo, e’ stato denunciato negli interventi delle RSU, di alcuni lavoratori e dai dirigenti sindacali territoriali, in particolare dal segretario della Confial, Benedetto Di Iacovo, vengono posti in essere ripetuti atteggiamenti che rasentano i limiti del comportamento antisindacale e della sfida, a volte con aria da vecchi padroni delle ferriere, dimenticando che sia gli amministratori che la dirigenza sono li’ per governare processi e per assicurare servizi e progetti di futuro ai cittadini e non pensare di comandare con arroganza e dispregio delle regole come si fosse a casa propria”. I lavoratori chiedono che si convochino le RSU e le organizzazioni sindacali “e si riparta con un confronto serio, franco e concreto sulle tante criticita’ di questo ente. Sappiano pero’, amministratori e dirigenza – e’ scritto – che il sindacato e le RSU non ci stanno a sopportare piu’ oltre questo stato di cose e per questo viene proclamato lo stato di agitazione di tutti i dipendenti, nelle forme che si andranno a definire nei prossimi giorni, informando naturalmente gli organi competenti, a partire dal Prefetto”. L’amministrazione, inoltre, scrivono i sindacati, “deve procedere ad un effettivo piano di stabilizzazione di tutti gli ex LSU/LPU, smettendola, intanto, di bandire concorsi, senza la riserva del 50% riservato ad assunzioni di questa forza lavoro e rimoduli un concreto piano dei fabbisogni alla luce dei tanti pensionamenti passati e futuri che stanno svuotando l’ente”.