Mancano i permessi, sequestrati due autolavaggi

I due titolari sono stati denunciati dai carabinieri nell'ambito di un servizio disposto dalla Compagnia di San Marco Argentano nel Comune di Fagnano C.

I titolari di due autolavaggi sono stati denunciati dai carabinieri della stazione di San Sosti nell’ambito di un servizio disposto dalla Compagnia di San Marco Argentano nel Comune di Fagnano Castello dove sono stati eseguiti accertamenti mirati al rispetto della vigente normativa in materia ambientale.

Nel primo autolavaggio controllato il titolare, pur esercitando la professione da diversi anni, non aveva mai provveduto a richiedere agli enti preposti il titolo autorizzativo per poter scaricare nella fognatura pubblica i reflui industriali derivanti dall’attività.

Da accertamenti nell’Ufficio tecnico del locale Comune è anche emerso che l’intero locale che ospita l’autolavaggio in questione era privo di certificato di agibilità per il quale il Comune di Fagnano Castello è stato investito per i provvedimenti da adottare in merito.

Nella stessa giornata è stato effettuato un controllo in un altro autolavaggio della zona, dal quale e’ emerso che il titolare aveva attivato un impianto di autolavaggio munito di sistema di depurazione, ma di fatto scaricava i reflui industriali in fognatura senza aver ottenuto, anche in questo caso, l’autorizzazione definitiva allo scarico rilasciata dal Comune.

Al momento del controllo, inoltre, è stato trovato, intento a lavare a mano alcune autovetture, un uomo, il quale lavorava per conto del gestore senza essere stato regolarmente assunto.

Da qui le denunce per violazione delle norme in materia ambientale e, nel secondo caso, anche per lavoro sommerso. I locali, rispettivamente di 120 mq e 50 mq, sono stati sequestrati.