Confartigianato: artigianato settore strategico, Regione disattenta

"Penalizzati dal cambio al vertice dell’assessorato competente"

 “Ci eravamo entusiasmati per il grande lavoro condotto assieme alla Regione Calabria, ed in particolare all’assessore alle Attività produttive pro tempore, Francesco Russo, che lo scorso anno ha portato alla definizione di alcuni strumenti in favore dell’artigianato. Sul cambio al vertice del Dipartimento avevamo anticipato le nostre preoccupazioni e, purtroppo, lo stallo registrato in questi mesi le hanno confermate”. E’ quanto affermano il Presidente ed il Segretario della Confartigianato Calabria, Roberto Matragrano e Silvano Barbalace, in merito allo stallo registrato in materia di misure per l’artigianato dopo gli importanti risultati incassati per la categoria.

“Spiace registrare che, oltre al fermo dell’azione specifica a sostegno delle imprese artigiane – afferma il segretario Barbalace – anche il rapporto con la nostra rappresentanza ha subito una brusca interruzione che, prima del valzer di deleghe deciso dal presidente della Giunta Oliverio, era stato caratterizzato da un confronto produttivo. Proprio in occasione della conferenza stampa che avevamo tenuto sulla legge di bilancio 2019 avevamo espresso preoccupazione per il continuo cambio di guida nell’assessorato allo Sviluppo economico (4 assessori in quattro anni in un settore fondamentale ci sembrano troppi) perché questo rischiava di bloccare la programmazione e gli interventi in atto”.

Ed infatti, dopo anni di abbandono l’artigianato sembrava finalmente aver imboccato la strada giusta per puntare alla crescita di un settore che da sempre è sinonimo di “Made in Italy” e perno dello sviluppo economico del Paese. Prima l’approvazione della legge di riordino dell’artigianato (L.R. 5/2018) e a seguire l’istituzione del fondo regionale a sostegno degli investimenti nel settore, sembravano aver colto l’attenzione delle istituzioni. Provvedimenti che però non hanno avuto un concreto sviluppo. Tanti progetti e idee messe in campo che ad oggi sono rimaste tali. “Noi continuiamo a lavorare con la determinazione e la caparbietà di sempre al fianco delle imprese perché riteniamo centrale e strategico il comparto per la crescita della nostra economia e del sistema imprenditoriale. Ci crediamo mettendo in campo proposte e progetti. Proprio in questi giorni é partito un’interessante iniziativa che vuole mettere insieme artigianato, turismo e cultura. Ci eravamo illusi che la Regione avesse colto il valore delle nostre rivendicazioni – continuano ancora Matragnano e Barbalace – ma il mancato confronto con il nuovo assessore, richiesto da tempo, non ci lascia ben sperare per il futuro. Al presidente Oliverio, dunque, rilanciamo la richiesta di attenzione all’artigianato affinché – hanno concluso il presidente e il segretario regionale di Confartigianato – si investano anche ulteriori risorse in questo settore strategico per la Calabria. La misura dedicata al mondo dell’artigianato e alle imprese che lo animano non può rimanere congelata, a pochi mesi dalla scadenza della legislatura”.