Treni in tilt a Paola, 100 milioni a Trenitalia per viaggiare in piedi

Fermo per ore il regionale Sapri-Reggio, non c'è posto per tutti e scoppia il caos

100 milioni a Trenitalia per viaggiare, se va bene, in piedi. Se va male, e nelle foto si può capire che oggi è andata male, non si viaggia del tutto se non dopo ore di paralisi. Siamo a Paola, snodo centrale anche per il treno regionale Sapri-Reggio. Chi ha previsto le corse e lo ha fatto soprattutto in previsione del fine settimana che precede il Ferragosto forse avrebbe dovuto sospettare che un po’ di gente si sarebbe messa in viaggio, senza magari augurarsi il contrario.

Dopo tutto, siamo pur sempre nel cuore dell’estate. E invece niente, agli aspiranti viaggiatori in stazione a Paola le porte vengono sbarrate per una ragione molto semplice, oltreché sconcertante. Non c’è posto. E scoppia l’inferno tra spintoni e caos finisce che non viaggia più nessuno. Nè chi è dentro, né chi è fuori. Dopo ore si riparte ma è parvenza, ne arriva un altro che è messo peggio dell’altro.

E sono bestemmie e sudate. E in pochi sanno che l’assessore regionale ai Trasporti Musmanno liquida quasi 100 milioni di euro a Trenitalia per coprire le tratte regionali. Augurandosi evidentemente la diserzione di massa. Oppure che non sia mai Ferragosto…