E gli “illuminati” di Crotone chiedono una candidatura di Cuperlo nel proporzionale

Almeno 1000 già le firme, tra simpatizzanti ma non iscritti al Pd, che invocano una "corsa di prestigio"

Era il 21 gennaio dello scorso anno, sembra ieri ma non lo è per niente anche se mai come in queste ore tutto torna, tutto diventa magicamente attuale. Gianni Cuperlo, le foto parlano chiaro, riempie il Centro Dental di Crotone con il convegno “Ripartire del Sud”. Non è dato sapete se nel frattempo il Sud è ripartito davvero, se lo ha fatto il Pd o se magari un risveglio lo ha avuto il territorio del Crotonese. Una risposta non molto incoraggiante la custodiamo per ognuna delle tre domande. Quel che è certo, però, è che a Crotone e nel circondario non è passata la voglia di Pd “di sinistra” nè quella di ripartire dal Sud. E non è passata soprattutto la voglia di Gianni Cuperlo e della sua corrente di pensiero all’interno del partito. Tutt’altro.

Al punto che in queste ore, quando mancano una manciata di giorni al confezionamento delle candidature, è partita una raccolta firme di quelle “illuminate” proprio per chiedere al Nazareno uno spazio. Un totem. Una candidatura di area Cuperlo nel proporzionale di Crotone. Di più. Per chiedere proprio che tocchi a Gianni Cuperlo in persona scendere in campo in un territorio “ferito” e costretto ai pochi onori della cronaca giudiziaria come è quello crotonese. La risalita della politica sul piano etico e della credibilità è manovra complessa e l’inchiesta della Dda dal nome mitologico, Stige, non aiuta per niente Crotone, il Crotonese e i crotonesi. E tuttavia, o forse proprio per questo, sono almeno 1000 già le firme di simpatizzanti ma non iscritti al Pd, certamente persone impegnate nella società civile del territorio, che chiedono in queste ore un tocco di prestigio per Crotone. Una corsa “eccellente”. Una candidatura sulla maglietta di Gianni Cuperlo.