Socialisti Calabria: “ No al bluff De Magistris in Calabria”

“ Riteniamo che il Pd ed il Centrosinistra stiano compiendo un grave errore politico nel riconoscere come proprio interlocutore il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris che è lontano anni luce dai nostri valori e dalla nostra ideologia. Non solo e non tanto perchè l’ex togato ha fatto della sua esperienza in magistratura la base su cui costruire una carriera politica, in Europa prima ed a Napoli dopo, quanto per lo stile populista, autoritarista e demagogico che lo contraddistingue e che fanno a botte con la nostra tradizione autenticamente democratica, riformista e libertaria, oltre che pragmatica e popolare”. E’ quanto si afferma in una nota stampa della segreteria regionale del PSI Calabria.
“Ed, infatti – proseguono i socialisti calabresi – il sindaco di Napoli si vanta in Calabria di essere il solo detentore della legalità e della buona prassi amministrativa, dimenticando volutamente ed artatamente lo sfacelo che lascia, dopo dieci anni di amministrazione, nel capoluogo campano che rischia di essere commissario per fallimento. Detto ciò i socialisti calabresi ritengono che l’intero centrosinistra debba lavorare per mettere insieme una coalizione ampia, plurale ed aperta alla società civile per una proposta politico-programmatica seria, di stampo riformista, progressista e democratica capace di esprimere ottimi candidati. In questa direzione esprimiamo apprezzamento rispetto alle dichiarazioni del sottosegretario Dalila Nesci che rilancia lo strumento delle primarie, riprese e condivise anche da Nicola Irto, per individuare il candidato della coalizione e su cui anche noi riteniamo si debba aprire un confronto serio. Ciò a prescindere dal De Magistris, però, che ha, peraltro, già risposto picche all’invito dell’On. Nesci, ritenendo di non dover neanche aprire un confronto di merito. Questo perchè, molto probabilmente a De Magistris più che diventare governatore della Calabria interessa spaccare il centrosinistra per spianare la strada al centrodestra. Dimostrazione di ciò sono le sue partecipazioni ai dibattiti televisivi sulle reti nazionali dove contribuisce a gettare fango sulla nostra terra, fermandosi sempre e solo alla denuncia e mai a trovare adeguate soluzione ai tanti disservizi ed anomalie, per usare un eufemismo,presenti in Calabria, che nessuno, si badi bene, vuole nascondere ma che non debbono essere usate per gettare discredito tout court su una intera popolazione”.
“Siamo ancora in tempo – concludono dalla segreteria regionale del PSI Calabria – per trovare la quadra al nostro interno al fine di costruire una piattaforma programmatica serie, realistica e lungimirante, sulla base della quale le forze di centrosinistra, insieme, potranno e sapranno ridare nuova linfa e vigore alla nostra terra, alla nostra Calabria”.