“Che fine hanno fatto i soldi per i centri per l’Impiego?”

La denuncia del consigliere regionale PD Carlo Guccione.

Negli anni recenti sono stati fatti notevoli investimenti
per rafforzare i Centri per l’impiego: sono state finanziate assunzioni per 11.600
operatori da completarsi entro il 2021 e sono stati stanziati 870 milioni di euro per
investimenti infrastrutturali per fare in modo che le strutture territoriali siano in grado
di farsi carico di erogare politiche attive del lavoro. In Calabria tutto ciò non è ancora
avvenuto. Nel 2018 avevo presentato un’interrogazione e segnalato più volte la
questione dei Centri per l’impiego calabresi ma, ad oggi, nulla è cambiato. Nei 15
Centri per l’impiego calabresi e nelle 30 sedi periferiche collegate risultano impegnati
406 operatori e ne servirebbero altri 1200: ogni operatore si trova a gestire circa 1200
utenti a testa, contro una media nazionale di 359 utenti per ogni operatore.
È evidente, tra l’altro, anche la carenza della dotazione tecnologica e del livello
informatico, così come la carenza infrastrutturale delle sedi che in alcuni casi
denotano gravi carenze igienico sanitarie.
Tutto questo contribuisce a rallentare le procedure concorsuali per le oltre 600
assunzioni di giovani laureati che dovrebbero essere assunti a tempo indeterminato
per rafforzare i Centri per l’impiego della nostra regione. È necessario mettere in atto
tutti gli interventi utili a superare queste criticità che derivano anche da
sottovalutazioni del passato. È fondamentale rafforzare i Centri per l’impiego in modo
da assicurare tutti quei servizi necessari per le politiche attive del lavoro che saranno
messi in campo anche per superare il post pandemia. Non c’è tempo da perdere, bene
ha fatto il ministro del Lavoro Andrea Orlando che ha attivato una serie di incontri
bilaterali con le singole regioni anche per fare in modo che questo potenziamento dei
Centri per l’impiego possa concludersi entro quest’anno in modo da recuperare il
tempo perso”. Così in una nota, la denuncia del consigliere regionale PD Carlo Guccione.