Reggio, la svolta sta nella diga del Menta

Soddisfatto il commissario Sorical, Luigi Incarnato: "Risposte concrete per i cittadini"

“La recente conferma della qualità progettuale e realizzativa della diga del Menta, da 13 qualificati studi di ricerca internazionali, conferma l’ottimo lavoro fatto dalla Sorical per ultimare questa importante infrastruttura avviata alla Cassa per il Mezzogiorno negli anni 70. Lo studio, presentato al Politecnico di Milano, nel corso di un workshop internazionale, è un ulteriore tassello che si aggiunge al sistema dei controlli e delle verifiche effettuate dal Ministero delle Infrastrutture a una delle più grandi opere idropotabili del Mezzogiorno”. Ad affermarlo è il commissario straordinario della Sorical, Luigi Incarnato.

“La Diga del Menta, dopo aver superato il periodo sperimentale,- prosegue Incarnato – entra nella fase ordinaria di gestione e funzionamento. L’estate 2019 sarà ricordata dai reggini come la prima dopo anni, senza particolari disagi idrici. Niente più chiusure notturne dei serbatoi e acqua salata”.

“La stretta collaborazione tra i tecnici del Sorical e del Comune, ha permesso di affrontare emergenze e dare risposte celeri ai cittadini. Inoltre, Sorical sta ultimando la totale ristrutturazione del serbatoio S. Caterina che dovrà  – conclude Incarnato – diventare il prototipo dei serbatoi della città di Reggio. La Regione Calabria, attraverso l’ultimazione della diga del Menta e il progetto di ingegnerizzazione, sta dando una risposta concreta al necessità della città di Reggio”.