《Occhiuto ha fallito, per questo si aggrappa al Decreto Calabria》

Affondo di Misiti: tocca ancora agli strumenti del governo Conte tenere in piedi la sanità calabrese

《Il tempo necessario affinché in Calabria si riuscisse ad avere una soluzione in campo sanitario dettato dal tanto vituperato “decreto Calabria” voluto dal Governo Conte, sta per scadere, ed il presidente del centrodestra con la squadra di preposti in Regione ha fallito, ed il fallimento dei risultati lo si fa ricadere sulla mancanza di tempo, tanto che se ne chiede una proroga di 6 mesi》.
Così, in una nota, Massimo Misiti responsabile regionale del Movimento Cinquestelle.
《Secondo le dichiarazioni attribuite al presidente Occhiuto – continua Misiti – il tempo servirebbe per far partire Azienda Zero. È indubbio che alla Calabria servano dei fondi così come è indiscutibile che sia necessaria una organizzazione con un censimento del personale sanitario. Ma sarebbe altrettanto necessario conoscere quanto siano operativi i reparti e come si stia monitorando il sistema sanitario che in ambito di priorità potrebbe avere una organizzazione di questo tipo:
Monitoraggio LEA
Analisi di produzione e della mobilità sanitaria
Rete ospedaliera
Rete dell’emergenza urgenza
Rete oncologica
Indicatori PNE
Assistenza territoriale
Personale
Accreditamento strutture pubbliche e private
Grandi apparecchiature
Edilizia sanitaria
Analisi economica
Dashboard Covid
Specialistica ambulatoriale
Vaccinazioni.
Il percorso del recupero della sanità in Calabria ha bisogno di valutazioni tecniche e priorità, e una di quelle che ripeto da tempo, è legata alla edilizia sanitaria ed alla definizione dei fondi stanziati dall’INAIL ai tempi delle giunte precedenti per i quali ancora non si sono valutati neanche i progetti. A proposito è stata valutata la sede in cui dovrebbe essere edificato l’ospedale di Vibo Valentia? Sembrerebbe che sia stato progettato in un luogo in cui il rischio di frana sia elevato.
Qual è la posizione rispetto all’edificazione dell’Ospedale di Cosenza?
Quali sono i flussi ed il turnover su posto letto? È stata fatta una valutazione degli aggiornamenti dell’incidenza dei DRG sui costi sulla capacità attrattiva e sulle fughe dei pazienti?
Quanti sono i posti accreditati, per branca e necessari per legge, negli ospedali calabresi? E ancora, è rispettato il rapporto di PL per abitante?
La spesa farmaceutica è monitorata? È stato creato un sistema, magari digitale, per farlo?
Moltissimo c’è da fare, ma avremmo bisogno di ulteriori notizie prima di poter plaudire all’opera dei tecnici del presidente Occhiuto, la cui opera ancora non solo non soddisfa i cittadini calabresi ma vista la mole di lavoro forse 6 mesi non basteranno!》.