Ora Morra tenta il “rientro”

Il presidente dell'Antimafia: «Se si riparte dal progetto primordiale sono pronto». Sullo sfondo la speranza di ricucire con Grillo e far parte del direttivo ma anche quella di portare i Cinquestelle su de Magistris...

Se il progetto è quello di ritornare alle origini, con tanto di evocazione rivoluzionaria e fuori da ogni coalizione o partito, Nicola Morra ha fatto subito sapere che c’è. È disponibile. Poche righe d’agenzia dopo la sberla di Grillo rifilata a Conte e il presidente dell’Antimafia tenta il “gran rientro” nel Movimento, dopo il periodo di smarcamento senza tentennamenti scaturito all’epoca della nascita dell’ultimo governo. Chi non ricorda la conta di Morra a raccogliere deputati e senatori da mettere di traverso in aula proprio contro l’adesione dei Cinquestelle rispetto alla nascita del governo Draghi, nascita che è stata tuttavia “benedetta” anche da Grillo. Oggi tuttavia con il sostanziale allontanamento di Conte dal Movimento da parte di Grillo Nicola Morra tenta il nuovo aggancio con lo storico fondatore in nome e per conto di una evocazione dei primi entusiasmi. Sullo sfondo la tentazione dello stesso Morra di far parte del nuovo direttivo del Movimento, che dovrà passare dalla piattaforma Rousseau ma che di fatto (stando così le cose) Grillo nominerà quasi totalmente. È ancora un po’ troppo prematura la conta finale, in diversi tra i Cinquestelle potrebbero abbandonare il Movimento se Conte dovesse mettere in campo (con altro marchio) una prova muscolare finalizzata all’aggancio definitivo con il Pd. Fico e Di Maio, tanto per citare i più griffati, non è detto che seguirebbero Grillo senza nessuna prospettiva di toccare palla “governativa” in futuro. Morra in ogni caso, forse proprio perché sa troppo bene che è in orbita Pd e Conte che non toccherà mai più palla, risalta la staccionata e tenta il gran rientro nel Movimento in stile primo amore che non si scorda mai. Se Grillo tiene il punto e forza sui gruppi parlamentari potrebbe anche “riprenderselo” se è vero come è vero che quando si va alle conte non si ma molto per il sottile. Nicola Morra, una volta rientrato nel salotto di Grillo, potrebbe indirizzare i Cinquestelle verso uno stress test in vista delle Regionali. E non sfugge a nessuno che è da un pezzo che è sulle tracce di de Magistris, portandosi dietro anche filamenti di grillismo…

I.T