Regione, Gallo resta al suo posto

La Corte di Cassazione ha rigettato il ricorso presentato dall'ex consigliere regionale Giuseppe Graziano contro la sentenza con cui già la Corte d'Appello di Catanzaro ed ancor prima il Tribunale Civile catanzarese avevano acclarato la sua condizione di ineleggibilità

Gianluca Gallo ha pieno titolo e diritto a sedere in Consiglio regionale. La Corte di Cassazione ha chiuso la partita. Con ordinanza depositata in data odierna, la Prima Sezione Civile (Francesco Genovese presidente; Maria Giovanna Sambito, Loredana Nazzicone e Paolo Di Marzio consiglieri; Alberto Pazzi consigliere relatore) ha rigettato il ricorso presentato dall’ex consigliere regionale Giuseppe Graziano contro la sentenza con cui già la Corte d’Appello di Catanzaro ed ancor prima il Tribunale Civile catanzarese avevano acclarato la sua condizione di ineleggibilità per la tardività del collocamento in aspettativa speciale da Primo dirigente e Vicecomandante regionale del Corpo Forestale dello Stato, dichiarandone la decadenza dalla carica in favore di Gallo, quale primo dei non eletti.