«Non avete idea di quanti finanziamenti la Regione ha erogato senza pubblicare i bandi…»

Sergio Abramo all'attacco frontale della Cittadella: non è vero che Catanzaro ha perso peso, stavolta ci vuole un impegno preciso perché si pratichi in pieno la trasparenza...

Il Sergio Abramo che non t’aspetti. Oppure, al contrario, che ti aspetti benissimo o che in ogni caso si aspetta (e si deve aspettare, da qui in avanti) chi ha orecchie per intendere.
Il Sergio Abramo “pesante”, molto pesante. Il Sergio Abramo che per solito non parla mai senza “carte in mano”. Il Sergio Abramo a cui evidentemente qualcuno a seguito di qualcosa e per un altro scenario ancora ha prefigurato una stagione in qualche modo di potere oltre i confini della città capoluogo.
A margine di una conferenza stampa nella quale ha tenuto a precisare che non se ne parla di archiviare la tornata elettorale regionale come “ridimensionante” per Catanzaro, «si smetta di dire che il capoluogo ha perso peso, non è assolutamente vero» ha poi lanciato un paio di missili non tanto diretti a “nuora” quanto a “suocera” perché intenda. E anche alla svelta.
«Chiedo che questa volta – ha “minacciato” tra l’altro Sergio Abramo – si prenda l’impegno perché la Regione pratichi in pieno la trasparenza. Ci sono atti di giunta regionale – qui il primo “bisturi” – e determine dirigenziali che non vengono pubblicati. Non avete idea – il secondo e più affilato “bisturi” – di quanti finanziamenti sono stati erogati senza che i bandi siano stati pubblicati. I nostri consiglieri regionali si attivino in questo senso…».
Per certi aspetti c’è da stropicciarsi gli occhi un paio di volte. Il sindaco di Catanzaro, nonché consolidato imprenditore e protagonista attivo della stagione delle carte che si sanno leggere, afferma testualmente che la Regione (di recente, ndr…) ha elargito finanziamenti senza pubblicare nessun avviso né preavviso e che ha “sfornato” (sempre la Regione) delibere di giunta e determine senza pubblicarle, che è un atto doveroso, sia ben chiaro. Con tutto quello che ne consegue in caso contrario. E dice anche di più, Sergio Abramo. «I nostri consiglieri regionali si attivino in questo senso…». Alzi la mano chi intravede in quest’ultimo passaggio un (poco) velato “avviso ai naviganti”…

I.T.