Calabria, il papa ordina due arcivescovi

Il Papa ha nominato il nuovo Arcivescovo metropolita di Reggio Calabria-Bova, don Fortunato Morrone, del clero di Crotone-Santa Severina, e don Maurizio Aloise, del clero dell’Arcidiocesi metropolitana di Catanzaro-Squillace, arcivescovo di Rossano Cariati. L’annuncio è stato dato in contemporanea nelle rispettive diocesi di origine, e nelle diocesi che andranno a guidare.

Mons. Morrone subentra a mons. Giuseppe Fiorini Morosini che lascia, dopo 13 anni di missione pastorale, per raggiunti limiti di età. Presbitero dal 1983, il nuovo presule reggino ha 63 anni ed è nato ad Isola Capo Rizzuto. L’annuncio della sua nomina è stato dato dal vescovo di Crotone mons. Angelo Panzetta. Don Morrone dopo l’ordinazione presbiterale ha esercitato il ministero a Roma nel 1986 è rientrato nella diocesi di Crotone guidando la parrocchia di Melissa fino al 1990.dal 1998 al 2006 è stato direttore dell’Istituto di scienze religiose humus magisterpunto, ordinario di teologia sistematica presso l’Istituto teologico Calabro dal 2009 è stato docente di teologia.
Il nuovo arcivescovo di Rossano Cariati, don Maurizio Aloise, nato a Catanzaro e ha 52 anni. Ha conseguito il diploma di scuola superiore presso l’Istituto Statale d’Arte di Squillace il baccalaureato in teologia presso l’Istituto teologico di Catanzaro dove ha approfondito anche gli studi frequentando il corso di Licenza in Teologia morale sociale indirizzo pratico pastorale, mentre il corso di licenza in Mariologia la frequentato nella pontificia università Marianum di Roma. Ordinato sacerdote il 18 novembre 1995 ha svolto attività pastorale come amministratore parrocchiale di San Nicola V in Gagliato, vice parroco di Santa Maria della Pietra in Chiaravalle. Attualmente è parroco di “Santa Domenica V. M.” e Rettore del Santuario diocesano Santa Maria delle Grazie in Torre di Ruggiero e membro del CdA del Santuario. Da un anno è presidente del CdA della fondazione Betania Onlus di Catanzaro e da 2011 Pro vicario generale dell’Arcidiocesi di Catanzaro-Squillace e membro di diversi organismi diocesani (ANSA).