Snai, Guccione: via libera alla fase attuativa

"Può rappresentare una svolta per tutti quei 71 siti spopolati, marginalizzati ma che rappresentano un’occasione per la ripartenza grazie a nuovi modelli di sviluppo sostenibile, di organizzazione sociale e produttiva"

“Un primo importante passo per la riqualificazione e lo sviluppo delle aree interne. Finalmente per la Strategia nazionale per le aree interne (SNAI) si passa dalla fase di sperimentazione alla piena attuazione dei progetti. Grazie al costante lavoro del ministro per il Sud e la Coesione territoriale, Giuseppe Provenzano, si è approdati velocemente alla fase attuativa per le 71 aree coinvolte nel progetto”. A dichiararlo è il consigliere regionale del PD, Carlo Guccione.
“La Strategia nazionale per le aree interne messa in campo dal Governo funziona e può rappresentare un’opportunità reale per i piccoli Comuni della Calabria a rischio spopolamento. Quei borghi oggi marginali, ma depositari – sottolinea il consigliere dem – di un enorme patrimonio di storia, arte e cultura, possono ritornare a crescere, diventando luoghi attrattivi, attraverso servizi moderni, innovazione produttiva e sociale. Nel progetto sono stati coinvolti anche dei Comuni calabresi. Una straordinaria opportunità che potrebbe interessare, però, altri borghi della nostra regione grazie allo stanziamento di ulteriori risorse”.
“Ecco perché nelle prossime settimane organizzeremo – ha concluso Guccione – un’iniziativa insieme al ministro Provenzano per analizzare tutti i dettagli, le fasi e le opportunità della SNAI. Ad oggi sono stati approvati interventi per 1,142 miliardi e gli ambiti delle 71 aree sono molteplici: mobilità, salute, scuola, cultura, turismo, agricoltura e zootecnia, energia, imprese, infrastrutture e servizi digitali, lavoro e altro ancora. La SNAI può rappresentare una svolta per tutti quei territori spopolati, marginalizzati ma che rappresentano un’occasione per la ripartenza grazie a nuovi modelli di sviluppo sostenibile, di organizzazione sociale e produttiva”.