《Questo ho fatto io, altro che macchietta delle mascherine…》

Zuccatelli sceglie Rai 3 e Riccardo Giacoia per dire la sua: abbiamo fatto tante cose buone e concrete ma senza la notifica del decreto non posso mettere mano nell'Ufficio del commissario - VIDEO

《Io sono stato nominato commissario per la Sanità della Calabria, ma senza decreto di nomina, che non mi è stato ancora notificato, non posso svolgere le mie funzioni》. Lo ha detto Giuseppe Zuccatelli intervistato a “Buongiorno Regione” della Tgr della Calabria e da Riccardo Giacoia. 《Stamattina, anche se la mia nomina non è ancora operativa – ha aggiunto – ho voluto parlare pubblicamente per i calabresi e per quello che stanno subendo. Sull’utilità delle mascherine, nel video che è stato diffuso, ho detto sicuramente una fesseria, Ma in quel periodo eravamo nella prima fase della pandemia. Non sono negazionista – ha aggiunto Zuccatelli – e non c’è alcun dubbio che le mascherine sono indispensabili, così come lo sono il mantenimento della distanza ed il lavaggio frequente delle mani. Quello che mi chiedo, comunque, è come mai quel video sia stato fatto uscire subito dopo la mia designazione. Non ci sto, comunque, ad essere martirizzato per un video di 20 secondi. Così come non ci sto ad essere descritto in chiave macchiettistica》. Zuccatelli ha poi elencato le cose buone fatte fin qui al Pugliese Ciaccio e al Mater Domini ma anche all’Asp di Cosenza in materia di medicina di base, territoriale. E sui debiti della Fondazione Campanella la parola fine, 《ho messo in bilancio un buco enorme di 100 milioni creato e coperto da chi mi ha preceduto. L’ho dovuto fare perchè lo ha detto la Cassazione》.