Consiglio regionale, il 10 novembre la modifica della legge elettorale

E intanto si inizia a discutere di uno spostamento della sede del Consiglio a Catanzaro, con la condivisione degli spazi con la Giunta regionale

“In otto mesi di consiliatura, l’Assemblea regionale ha dato prova di efficienza, utilizzando le economie di bilancio per 8 milioni di euro e di concreta vicinanza ai calabresi in un momento di particolare difficoltà, destinando tre milioni di euro agli studenti universitari fuori sede nel pieno della pandemia Covid-19″. Così il presidente del Consiglio regionale Domenico Tallini ha aperto la Conferenza dei capigruppo riunitasi oggi a Palazzo Campanella, che ha fissato per martedì 10 novembre la data della seduta consiliare.

Sede del Consiglio regionale a Catanzaro. “Giunti a questo punto, con tanto dolore ancora nel cuore per la scomparsa di Jole Santelli, l’impegno di tutti noi – ha concluso Tallini – è quello di portare a termine, nel migliore modo possibile e nel pieno rispetto della legislazione vigente, l’XI legislatura”. L’organismo ha, inoltre, condiviso, insieme con il presidente della Giunta regionale Antonino Spirlì presente alla riunione, la scelta di ubicare dentro la Cittadella regionale i gruppi consiliari, nonché l’idea di “avvicinare” la sede della Giunta a quella del Consiglio, per motivi operativi, con la condivisione reciproca e l’utilizzo più funzionale degli spazi.

Modifica legge elettorale. La seduta consiliare si aprirà con la proposta di legge del presidente Tallini (che ha sintetizzato quelle già esistenti come d’accordo con i capigruppo) sulla doppia preferenza di genere nella legge elettorale. Al secondo punto, la riprogrammazione dei fondi comunitari “che definisce la più grande rimodulazione di circa 500 milioni di euro nella storia della Regione”. Nel corso dei lavori, che contemplerà altri punti all’esame dell’Aula, il Consiglio procederà alla presa d’atto della morte del presidente Jole Santelli e alla presa d’atto dell’intitolazione della Cittadella regionale.