Regione, Eva Catizone nello staff Santelli

L'ex sindaco di Cosenza nominata segretario particolare

“Eva Catizone fa ufficialmente parte dello staff di Jole Santelli. L’ex sindaco di Cosenza, lo scorso 29 aprile, è stata nominata “segretario particolare” della struttura speciale della presidente della giunta”.

Evelina (detta Eva) Catizone nasce a Cosenza l’11 agosto del 1965. Dopo la Maturità classica, conseguita presso il “Bernardino Telesio” di Cosenza, nel 1990 si laurea in Lingue e Letterature straniere moderne indirizzo europeo (Francese e Ispanoamericano) presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Unical, con una tesi su Marcel Proust (sotto la direzione di Ivos Margoni) e la votazione di 110 con menzione della lode. Nel 1992 consegue a Bologna un secondo diploma di Laurea come Interprete di Trattativa in Lingua Francese presso la Scuola superiore per Interpreti e Traduttori. Nel 1997 presso l’Università di Pavia acquisisce il titolo di Dottore di ricerca in Scienze Letterarie (Retorica e Tecniche dell’interpretazione), con una dissertazione sulle traduzioni di Raymond Queneau e Italo Calvino. Trascorre gli anni del dottorato soprattutto in Francia, prima a Marsiglia, all’École des hautes études en sciences sociales, sotto la guida di Jean-Claude Passeron, dove segue i corsi di Anthropologie visuelle et Hypermédia di Pierre Jordan partecipando all’Atelier international d’antropologie visuelle poi a Parigi dove tra l’altro, allÉcole des hautes études en sciences sociales, segue le attività seminariali di Jacques Derrida dedicate a Questions de responsabilité. Sempre a Parigi si occupa per l’Istituto italiano di cultura diretto dal prof. Paolo Fabbri della catalogazione del Fondo Calvino tradotto. L’esito di questo lavoro è racchiuso nella pubblicazione: Fabbri, Paolo – Catizone, Eva – Perrazzelli, Francesca – Poirier-Jeanvoine, Caroline, Italo Calvino: un destin croisé, Fondo Calvino Tradotto, Istituto italiano di cultura, Paris, 1995. Negli anni accademici dal 1997 al 2001 è collaboratore didattico e cultrice della materia in Lingua francese, Filologia francese e Storia della Lingua Francese all’Unical dove, presso il Dipartimento di Linguistica (raggruppamento disciplinare di Romanistica), svolge attività didattica e di ricerca sulla traduzione letteraria, sotto la direzione della Prof. Gisèle Vanhese. Dal 1997 al 2002 viene nominata da Giacomo Mancini (Sindaco della città di Cosenza) Assessore al raccordo con le istituzioni della Comunità europea, dell’Università, della Regione e dello Stato, deleghe che detiene sino alla fine della sindacatura Mancini, aggiungendo nel 1999 la delega all’Urbanistica. Segue le politiche comunitarie e le relazioni internazionali, cura programmi di attuazione urbana comunitari (Urban) e di riqualificazione urbana (pedonalizzazione di Corso Mazzini, PRU) coordina le attività di 2 internazionalizzazione, cooperazione e pari opportunità, portando avanti progetti per la diffusione della cultura di genere. Partecipa a numerose iniziative nazionali e internazionali tra cui il Forum urbano europeo del 1998 “Quale futuro per le città europee? di Vienna, il Convegno organizzato dalla Regione di Lisbona e dal Ministero della Pianificazione portoghese nel 2001 a Lisbona e la Biennale degli Urbanisti del 2001 di Rotterdam. Dal 2002 al 2006 è Sindaco della Città di Cosenza. Conserva la delega alla Cultura, alla Cooperazione e alla Promozione dell’immagine della città. Attua politiche pubbliche culturali, con particolare attenzione alla riqualificazione del Teatro A. Rendano, all’attuazione del MAB (Museo all’aperto Carlo Bilotti), alla promozione del progetto culturale “Viaggio Telecom”: Viaggio nell’utopia e nell’eresia, organizzato da Telecom Italia con il Teatro Franco Parenti di Milano. Segue le politiche di genere, promuovendo la valorizzazione delle energie femminili nel governo e nell’amministrazione della città, portando avanti politiche di gender mainstreaming. Partecipa, tra l’altro, nel 2003, a Salerno, al Corso della Sessione estiva della “Scuola di Politica Hannah Arendt” e prende parte alle attività di reti di donne fra cui Emily Napoli. Nel 2004 viene nominata nell’Ufficio di Presidenza dell’ANCI (di cui fa già parte del Consiglio nazionale e del Comitato direttivo) e viene delegata dal presidente Domenici in materia di Donne e Pari opportunità. Dal 2007 presiede “Angelina”, associazione socioculturale sull’identità femminile calabrese, nel nome di Angelina Mauro, giovane contadina calabrese morta a Melissa durante le lotte per le terre. Con l’associazione (iscritta all’albo regionale) porta avanti la promozione culturale, il multiculturalismo, la diffusione di nuovi linguaggi di comunicazione. Tra le tante attività si segnalano: la realizzazione del docufilm Un angelo del mare prodotto col sostegno della Regione Calabria e patrocinato dall’Ambasciata italiana in Argentina e da Amnesty International, dedicato alla figura di Angela Maria Aieta, desaparecida d’origine calabrese, martire della libertà argentina; la commissione per l’esecuzione di tre illustrazioni in forma di fumetto, realizzate da tre matite femminili del Sud (Martina Peluso, Rosaria Iorio, Alessandra Vitelli) per promuovere la diffusione della conoscenza presso le giovani generazioni sull’eccidio di Melissa; la presentazione, insieme a Laura Boldrini (portavoce Alto Commissariato delle Nazioni unite per per i rifugiati in Italia), del film premiato alla 68.ma Mostra del cinema di Venezia “A Chiana” di Jonas Carpignano sui fatti di Rosarno del 2010; l’iniziativa in ricordo 3 di Mario Monicelli (febbraio 2013) al teatro dell’Acquario di Cosenza con i registi Mario Canale e Wilma Labate, autori del film “La versione di Mario”; la realizzazione di eventi culturali (reading di poesia di Alda Merini, presentazioni di libri…). Si occupa di nuovi strumenti di comunicazione e media digitali. Dal 2008 al 2009 cura una rubrica settimanale domenicale sull’edizione regionale del “Quotidiano della Calabria” dal titolo Biancospini. Dal 2010 al 2014, presso il Consiglio Regionale della Calabria, ha un contratto di Collaboratore esperto in Comunicazione, Portavoce e writer di Agazio Loiero. Si occupa di comunicazione istituzionale e multimediale, servizi web ed editoriali, tecnologie dell’informazione, media digitali, rapporti con la stampa. Dal 5 aprile 2015 è tra i blogger della versione online de “Il Fatto quotidiano” (www.ilfattoquotidiano.it), diretta da Peter Gomez, con un proprio blog (http://www.ilfattoquotidiano.it/blog/ecatizone/). Svolge esperienza lavorativa come interprete e traduttore in lingua francese per numerose agenzie nazionali e internazionali A novembre 2015 è Interprete per Daniel Pennac, vincitore della VIII.a edizione del Premio nazionale Vincenzo Padula per la sezione Narrativa internazionale. Nella sessione II 2016 Sezione I/II è Giudice popolare titolare presso la Corte d’Assise del Tribunale di Cosenza. Pubblicazioni: Giovanni Raboni, Natalia Ginzburg e “Du côtè de chez Swann” in “Quaderni del Dipartimento di Linguistica” dell’Università della Calabria, Letteratura3, Rende 1991, pp. 109-120. L’intertestualità poetica: Jules Laforgue e Leopoldo Lugones, CELUC, Rende, 1992. Il “Male” di Calvino. Per un gioco tra vero e falso letterario, “Filologia antica e moderna”, 11, 1996, pp.167-179. Claudio Donzelli, La Grande Grèce en Calabre, traduit de l’italien par E. Catizone, edizione realizzata con il concorso dell’Unione Europea, Meridiana Libri, Catanzaro, Donzelli ed., Roma, 1996, 1997. Le voyage intertextuel dans Baudelaire et l’expérience du gouffre, in Poétique du Gouffre. Sur Baudelaire et l’expérience du gouffre de Benjamin Fondane: actes du Colloque de Cosenza, 30 settembre – 2 ottobre 1999, sous la dir. de Monique Jutrin et Gisèle Vanhese, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2003, pp.203-209. Donne, Sud, Potere 4 politico e felicità pubblica, “Il Quotidiano della Calabria”, 20 novembre 2009, p.1. Una stagione all’Inferno, “Il Quotidiano della Calabria”, 13 gennaio 2010, p.1. Al “Se non ora quando?” abbiamo risposto sempre, “Quotidiano della Calabria”, 19 febbraio 2011. Postfazione a Pensieri leggeri di Anna Maria Longo, Rubbettino, Soveria mannelli (CZ), 2011. Con Merito, nel merito. Leadership femminile per la crescita del Paese, a cura di Aldo Bonomi, Unicredit, Bergamo, 2011. Figura nel saggio di Anna Simone, I Talenti delle donne. L’intelligenza femminile al lavoro, edito nel 2014 da Einaudi e ristampato nel 2016 per Mondadori, in cui vengono analizzati 21 profili femminili esemplari (tra le altre Lea Battistoni, Emma Bonino, Isabella Bossi Fedrigotti, Susanna Camusso, Eva Catizone, Ilaria Cucchi, Alisa Del Re, Franca Dente, Silvia Landra, Carmen Leccardi, Marcella Lucidi, Lea Melandri, Loretta Napoleoni, Laura Olivetti, Marina Piazza, Laura Puppato, Norma Rangeri, Lucrezia Reichlin, Chiara Saraceno, Patrizia Sentinelli). 5