Coronaviurs, gli effetti del “contagio mediatico”

A generare il panico nella popolazione non e’ solo la dimensione sanitaria del Coronavirus ma anche quella immateriale del contagio che avviene attraverso fake news, disinformazione e incoerenza delle dichiarazioni delle autorita’. L’individuazione del problema di un contagio mediatico e’ il primo esito della ricerca “La pandemia immateriale. Gli effetti del Covid-19 tra social asintomatici e comunicazione istituzionale”, condotta dal 1 febbraio al 10 aprile 2020 da parte di Luigi Giungato, ricercatore della Societa’ Italiana di Intelligence (SOCINT). La ricerca e’ disponibile sul sito www.socint.org ed e’ stata coordinata dal presidente della SOCINT, Mario Caligiuri, direttore del Laboratorio sull’Intelligence dell’Universita’ della Calabria, che ha collaborato all’iniziativa. Attraverso gli strumenti della sentiment analysis applicata ai media, nello studio e’ stata analizzata la dnarrazione mediatica del fenomeno “Coronavirus” nel nostro Paese, per individuare sia la dimensione immateriale del contagio, sia i suoi effetti sull’opinione pubblica. Il risultato che si evince e’ quello di un’emergenza e di una psicosi subita da parte della popolazione italiana, al contrario di altre comunita’ nazionali in cui e’ stata la societa’ civile a dettare le azioni delle autorita’, come nei casi rilevati di Gran Bretagna, Spagna, Svizzera e Belgio.