“Il 34% degli investimenti pubblici andrà al Sud”

L'annuncio del premier Conte a Gioia Tauro insieme ai ministri Giuseppe Provenzano e Lucia Azzolina

“Promuovere la realizzazione e il completamento di opere in ambito ferroviario, stradale, idrico e edilizio”. E’ uno degli obiettivi del piano messo a punto dal Governo per lo sviluppo del Sud, presentato oggi a Gioia tauro dal premier Giuseppe Conte e dai ministri Giuseppe Provenzano e Lucia Azzolina. Per quanto riguarda le infrastrutture, il piano del ministero prevede opere appaltabili entro il 2021 per 33,5 milioni di euro. I principali interventi, oltre all’avvio di nuove opere, riguardano la manutenzione programmata, l’ammodernamento, l’adeguamento e la messa insicurezza. Le infrastrutture programmate sono, invece,pari a 54,8 miliardi di euro, di cui 46 miliardi di euro finanziati.
“Siamo qui a piantare le radici delle nostre idee, de nostri progetti che portiamo qui in questo corposo progetto. E’ molto ambizioso. Noi non operiamo su una prospettiva annuale, ma decennale, è la prima volta che un governo progetta un impegno decennale per il Sud. Siamo qui a Gioia Tauro per far germogliare le nostre idee”.  Ha proseguito il premier Conte.
“La clausola del 34% è una svolta, economica, sociale e culturale, è un vincolo per chi verrà dopo di noi. Avere detto che d’ora in poi ogni investimento pubblico deve dedicare il 34% al Sud – ha concluso Conte – è un vincolo per chi verrà dopo di noi, lo dovranno rimuovere se vorranno e se ne assumeranno la responsabilità”. Il piano per il Sud intende “massimizzare l’impatto delle misure già previste in legge di bilancio e che molti ministeri stanno mettendo in atto in questi giorni. Questo perché il Sud rischia di tornare in recessione e non ce lo possiamo permettere”. Lo ha detto il ministro Giuseppe Provenzano, presentando il piano a Gioia Tauro (Reggio Calabria), con il premier Giuseppe Conte e il ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina. “Fare di Gioia Tauro una grande sfida nazionale, lo faremo con il rafforzamento della zona economica speciale”. Lo ha detto il ministro Giuseppe Provenzano, che si trova nella città calabrese con il premier Giuseppe Conte e la sua collega all’Istruzione, Lucia Azzolina, per presentare il piano per il Sud.