L’ultima mediazione (fallita) tra Zingaretti e Oliverio

Nelle prossime ore il commissariamento delle federazioni Pd di Cosenza e Crotone

Dall’estremo tentativo “all’estrema unzione”, naturalmente mani sul tavolo e pochi scongiuri anche perchè di Pd si parla e non di cose drammaticamente più serie. Qualche giorno fa Nicola Zingaretti e Mario Oliverio ci hanno riprovato e si sono incrociati, e siamo all’estremo tentativo. L’esito, dell’incontro, è tutto nel portone di uscita con Oliverio a fornire telefonicamente impulso aggiuntivo alla manifestazione di oggi, quella che lancia in modo formale e definitivo la sua candidatura alla presidenza della Regione. Vedersi per mediare e lasciandosi non più mediabili e va da sé che con ogni probabilità è da addebitare proprio a Zingaretti il tentativo, l’ultima mediazione, ovviamente fallita. Un ritiro “onorevole” di Oliverio dalla contesa prima che fosse troppo tardi. Da “padre nobile” di un partito che però ha fatto poco negli ultimi tempi per spiegargli per davvero perché non lo ha voluto più candidare. Non è dato sapere con quale “contropartita” sul tavolo Zingaretti ha affrontato Oliverio, né se ve ne sono state offerte. Di certo vi è il proponente (Zingaretti) è il fallimento dell’estremo tentativo con Oliverio che pochi minuti dopo riscalda l’adunata di oggi, il lancio della sua candidatura. Con una frattura insanabile ormai, e certificata, con il Pd. E l’imminente arrivo dei commissariamenti delle federazioni di Cosenza e Crotone. Proposte dal Nazareno alla commissione e nelle prossime ore ufficializzate. Il resto è una storia tutta ancora da scrivere…