《Graziano e Oddati rispettino le regole invece di minacciare》

Lo Statuto del PD nazionale è in vigore anche in Calabria. Le affermazioni di Graziano e Oddati testimoniano oltre che palese nervosismo anche una cultura lontana anni luce dal Partito democratico che è un partito plurale, aperto e democratico. La Direzione nazionale non ha mai votato alcun accordo organico con i 5 Stelle anzi il Segretario Zingaretti ha ribadito che devono essere i territori i protagonisti per definire le alleanze politiche. Dovrebbero sapere inoltre i nostri dirigenti che i commissari rappresentano il partito nazionale e non i territori che fino ad ora sono stati mortificati e violentati da atti e parole scellerate e violente. Il commissario ha un solo mandato dalla Direzione nazionale: convocare il congresso regionale. Lavori per questo e ci risparmi i suoi stati d’ansia. Lo stesso non può pensare infatti di essere Napoleone e di decidere per tutti. Noi pensiamo alla Calabria e lo facciamo costruendo percorsi democratici e non firmando comunicati che fanno ridere per inconsistenza e tono minaccioso. Abbiamo già raggiunto l’obiettivo di aver ricordato ai dirigenti che esistono i circoli ed i territori dal momento che è stata annunciata la convocazione di una assemblea regionale da parte del commissario. È una buona notizia e ovviamente noi parteciperemo per dire la nostra ed ascoltare le ragioni degli altri. Domani cominciamo questo percorso da Catanzaro per far riapprophriare i democratici e le democratiche calabresi del partito democratico della Calabria.

Comitato promotore circoli PD Calabria