Sanità, ecco il decreto del ministero

Stretta su appalti e servizi. Coinvolta l'autorità nazionale anticorruzione

Una regolamentazione stretta e con il coinvolgimento anche dell’Autorità nazionale anticorruzione (Anac) per appalti, servizi e forniture per gli Enti del Servizio sanitario della Regione Calabria. E’ quanto prevede la bozza di decreto ‘Disposizioni speciali per il rafforzamento della gestione commissariale del Servizio sanitario della Regione Calabria’, del ministero della Salute Giulia Grillo che l’ANSA ha potuto visionare. Gli enti del servizio sanitario della Regione Calabria, si legge all’articolo 6, “si avvalgono esclusivamente di CONSIP S.p.A. o, previa convenzione, di centrali di committenza di altre Regioni per l’affidamento di appalti di lavori, servizi e forniture, strumentali all’esercizio delle proprie funzioni”.

“AL FINE DI ASSICURARE LA COERENZA E LA FATTIBILITA’ DEGLI INTERVENTI INDIVIDUATI DAGLI ATTI DI PROGRAMMAZIONE PREVISTI DALLA LEGISLAZIONE VIGENTE, IL COMMISSARIO AD ACTA PREDISPONE UN PIANO STRAORDINARIO DI EDILIZIA SANITARIA E DI ADEGUAMENTO TECNOLOGICO DELLA RETE DI EMERGENZA, DELLA RETE OSPEDALIERA E DELLA RETE TERRITORIALE DELLA REGIONE CALABRIA, CON VALENZA TRIENNALE. IL PIANO E’ APPROVATO CON DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI, DI CONCERTO CON I MINISTRI DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE, DELLA SALUTE, DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI, DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI”. L’ARTICOLO 9 DELLA BOZZA DI DECRETO PREVEDE INOLTRE ‘ULTERIORI DISPOSIZIONI IN TEMA DI COLLABORAZIONE E SUPPORTO DELLE FORZE DELL’ORDINE’ E STABILISCE CHE “IL CONTINGENTE DI CARABINIERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE ATTUALMENTE PRESENTE IN CALABRIA E’ INCREMENTATO DI 40 UNITA’, DI CUI 32 DEL RUOLO ISPETTORI, 4 DEL RUOLO SOVRINTENDENTI E 4 DEL RUOLO APPUNTATI E CARABINIERI”.