Camere Commercio Catanzaro, Rossi: “Regione integri consiglio”

Daniele Rossi

“Manifestiamo il nostro disappunto per il ritardo da parte della Regione nell’integrazione del consiglio camerale”. Lo ha detto il presidente della Camera di Commercio di Catanzaro, Daniele Rossi, nel corso di una conferenza stampa convocata per sollecitare la Regione a sostituire quattro consiglieri dell’ente camerale dimessisi nel 2018.

   “Tra aprile e luglio dello scorso anno – ha ricordato Rossi – si sono infatti dimessi, con diverse motivazioni, il rappresentante di Coldiretti Pietro Bozzo, la rappresentante di Legacoop Angela Robbe, nominata nel frattempo assessore regionale, e i due rappresentanti di Confcommercio, Pietro Falbo e Massimo Stirparo. La Regione Calabria aveva l’obbligo, previsto dal decreto del ministero dello Sviluppo economico 156 del 2011 di nominare i sostituti entro 30 giorni dalla comunicazione delle dimissioni da parte del segretario generale della Camera di Commercio. Il 4 gennaio scorso – ha ricordato il presidente della Camera di Commercio di Catanzaro – abbiamo diffidato la Regione a provvedere, ma la Regione e’ rimasta in silenzio”. Rossi, assistito in conferenza stampa dal segretario della Camera di Commercio, Maurizio Ferrara, ha quindi aggiunto: “Abbiamo tenuto e tirato fino oggi, ma non possiamo piu’ aspettare, perche’ da parte della Regione c’e’ un’evidente omissione di un atto di ufficio, che rischia di sommarsi al fascicolo che abbiamo gia’ depositato l’11 gennaio scorso in Procura. E – ha aggiunto il presidente dell’ente camerale – non riusciamo nemmeno a comprendere il perche’ associazioni e organizzazioni rappresentative di categorie importantissime come Coldiretti, Legacoop e Confcommercio rinuncino a loro volta a sollecitare la Regione e ad esprimere le loro istanze”.
Secondo Rossi “e’ comprensibile che la Regione abbia voluto aspettare l’esito del ricorso sull’insediamento degli organi camerali davanti al Tar, che poi a meta’ dicembre ha dato ragione a noi confermando la legittimita’ del nostro operato, ma non e’ comprensibile che da questa pronuncia sia passato un bel po’ di tempo senza che nulla si sia mosso. Sembra davvero – ha sostenuto il presidente della Camera di Commercio di Catanzaro – che da parte della Regione ci sia un’attenzione particolare, non positiva, nei nostri confronti. Invitiamo ancora una volta la Regione a provvedere alla sostituzione dei quattro consiglieri dimessisi nel 2018, altrimenti siamo pronti a perseguire altre strade”.
   A sua volta, Ferrara ha osservato: “Se dovessero dimettersi altri due consiglieri il Consiglio della Camera di Commercio decadrebbe. Alla luce di questa considerazione non vorrei che dietro il ritardo e il silenzio da parte della Regione ci fosse un gioco e una strategia politica ai danni dell’ente camerale di Catanzaro”. (