Regione, in Consiglio opposizione all’attacco: “Maggioranza a pezzi”

“Il dibattito odierno in Consiglio regionale sul documento di economia e finanza certifica il fallimento dell’azione di governo del presidente Oliverio e della maggioranza di centrosinistra”. Lo hanno detto i consiglieri regionali di opposizione Baldo Esposito (Nuovo Centrodestra), Alessandro Nicolo’ (Misto), Domenico Tallini (Forza Italia) e Gianluca Gallo (Casa delle liberta’), in sede di dichiarazione di voto nel dibattito sul Defr della Regione Calabria per il 2019-2021, che ha registrato il voto favorevole di 15 consiglieri della maggioranza di centrosinistra, l’astensione del gruppo “Moderati per la Calabria”, e nove voti contrari, tra cui quello del consigliere regionale del Pd, Carlo Guccione. Secondo Esposito “il dato numerico dei 15 voti testimonia che la maggioranza non ha davvero piu’ i numeri in quest’aula, il presidente Oliverio ne deve necessariamente tenere conto. Oggi – ha aggiunto Esposito -il voto non e’ stato semplicemente sul Defr ma su quattro anni di governo negativo, non difeso neppure dalla sua maggioranza”. A parere di Gallo “il dato piu’ significativo della crisi della maggioranza di centrosinistra e della bocciatura del governatore Oliverio che ci consegna l’odierna seduta e’ il voto contrario espresso da Guccione ma soprattutto l’astensione del gruppo dei “Moderati”, che e’ uno scossone di notevole impatto. Cosi’ come – ha sostenuto il capogruppo della Cdl – e’ eloquente di uno schieramento a pezzi il fatto che oggi in aula a sostegno di Oliverio sia intervenuto, in pratica, solo il collega Greco, nominato avvocato d’ufficio della maggioranza”. Sulla stessa lunghezza d’onda anche Nicolo’ e Tallini, che gia’ in sede di interventi iniziali nel dibattito sul Defr avevano espresso dure critiche all’indirizzo della maggioranza e della Giunta Oliverio. E infine, sempre in sede di dichiarazione di voto sul Defr, Guccione ha di nuovo polemizzato con Oliverio, che aveva parlato di “tentativi di imbroglio” del consigliere regionale del Pd sul tema dei nuovi ospedali: “A qualcuno crescera’ il naso come Pinocchio, comunque – ha sostenuto Guccione – non voglio sparare sulla Croce Rossa anche perche’ in Calabria siamo ormai gia’ oltre l’esperienza della Regione a guida Oliverio”