Maltempo, Uci: task force per stima danni esondazione Crati

La richiesta di un tavolo istituzionale regionale al fine di dare immediato seguito alle istanze provenienti da produttori e lavoratori del mondo agricolo e pastorizio messi in ginocchio dall’esondazione del Crati, in particolare nelle zone di Thurio e di Ministalla di Corigliano e Rossano, e’ stata inviata dall’associazione Uci al dipartimento Agricoltura e Risorse Agroalimentari della Regione e al delegato all’Agricoltura, Mauro D’Acri. L’Uci invoca anche la costituzione di una task force composta da tecnici regionali allo scopo di effettuare un analitico rilevamento dei danni subiti mediante attivita’ video/fotografico.
Il Coordinatore regionale, Gaetano Ferraro, rivole un invito a tutte le associazioni di categoria “affinche’ si persegua la strada dell’unitarieta’ almeno sulle priorita’ e sulle politiche generali, evitando dispersioni di energie e di tempo. L’agire in ordine sparso – afferma Ferraro – indebolisce il potere contrattuale di tutto il settore. Occorre lavorare insieme nell’interesse e a tutela delle popolazioni colpite, per il rilancio dell’economia e dell’occupazione. Oggi non e’ il momento per le polemiche, ma e’ necessario – spiega – stilare una priorita’ d’interventi che possa rappresentare le istanze di tutti, nessuno escluso. Dalla richiesta dello stato di calamita’ naturale a politiche di defiscalizzazione, da indennizzi a titolo di risarcimento al ripristino dello stato dei luoghi. L’auspicio – conclude – e’ che le associazioni di categoria possano preliminarmente sedersi a un unico tavolo ed elaborare una piattaforma comune di interventi”.