Tra Pacenza e Scura sfiorata la rissa

Clamoroso siparietto nel corso di una riunione importante che poi è saltata

《Lei che ci fa qui? Lei non è desiderato》. Se non si è arrivati alle mani, racconta esterrefatto chi ha assistito al siparietto tragicomico, poco ci manca. Pacenza, consulente di Oliverio in materia di sanità, presiede (lo poteva fare?) una riunione con i direttori generali delle Asp alla Cittadella. È lui che si inalbera ed esplode, 《lei che ci fa qui?》. L’affondo è niente di meno che contro Scura, proprio lui. Che in quella stanza ci è entrato, è ci voleva entrare, in qualità di soggetto attuatore dell’Asp di Reggio, dopo la cacciata di Brancati. Quindi, sulla carta, in qualità di responsabile della sanità reggina e non come commissario straordinario per il piano di rientro dell’intera regione. Ma Pacenza non ci ha visto più, evidentemente. E ha attaccato Scura. 《Lei che ci fa qui, non è desiderato》. Segue la reazione di Scura che i presenti descrivono violenta e pittoresca. La riunione, ovviamente, è saltata. E si doveva discutere dello stato di salute della sanità di Calabria…