Pd: coordinamento donne Calabria, “noi motore del cambiamento”

Più spazio alle donne al servizio della politica e finalizzato a recuperare nuovi temi di impegno e partecipazione. Questo l’argomento al centro della riunione del coordinamento delle donne del Pd, che e’ avvenuta ieri nella sede regionale del Pd alla presenza della parlamentare Enza Bruno Bossio, dell’ex ministro Maria Carmela Lanzetta e di diverse dirigenti, sindache e amministratrici.

“Tra i primi appuntamenti messi in campo – spiega una nota – uno spazio di discussione all’interno dell’imminente festa regionale dell’Unità e una serie di iniziative itineranti nelle cinque province calabresi sui temi legati alla qualità della vita in Calabria, inclusa la parità di genere. Favorire la partecipazione e l’accesso delle donne ai luoghi della rappresentanza – è emerso nel corso del dibattito – è decisivo per arricchire le decisioni strategiche cui la nostra regione e’ quotidianamente chiamata ad assumere: un altro punto di vista e nuove sensibilità, vitali per il pluralismo e la democrazia, rappresentano il valore aggiunto. Accoglienza, integrazione, territori, welfare, costituiscono problemi da affrontare in uno sforzo collettivo e con un approccio inclusivo, di cui le donne sono senza dubbio portatrici. Decisiva, in questo senso, è l’approvazione della legge elettorale regionale che – in ossequio alle disposizioni nazionale di legge – dia seguito al principio della doppia preferenza di genere. L’adempimento di questa importante norma – è spiegato – è solo il prioritario passaggio verso la realizzazione di una democrazia compiuta, all’interno della quale diversita’ e diseguaglianze possano trovare risposte e forme di bilanciamento. Gia’ nei giorni scorsi, un gruppo di dirigenti – prosegue il documento – sulla scia di una mobilitazione piu’ generale che ha preso piede in Calabria, ha incontrato il presidente del Consiglio regionale, Nicola Irto, e i capigruppo di centrosinistra. Acquisita la piena disponibilita’ ad una pronta calendarizzazione della norma, il coordinamento ha stabilito di promuovere piu’ iniziative di sensibilizzazione nei territori, attraverso il coinvolgimento delle diverse amministratrici Pd e dei circoli del partito”.