I segretari Pd vicini a Mattarella

Mai come in questo momento storico e politico è necessaria una mobilitazione per attestare il valore democratico delle nostre istituzioni; ecco perché annettiamo un valore simbolico alla manifestazione indetta per l’1 giugno a Roma.

La partecipazione a questo evento è importante: dopo i ripetuti e inauditi attacchi al presidente della Repubblica e all’istituzione che egli rappresenta, alla luce delle reazioni scomposte di leader politici che esplicitamente richiamano i nostri concittadini all’insubordinazione e al sovvertimento dell’ordine democratico, la parola deve passare a chi – invece – crede nei valori fondanti del nostro Paese, rivendica i principi di libertà e pacifica manifestazione del pensiero ed è pronto ad opporre un ampio fronte democratico ai piani eversivi di destra e 5stelle.

In ballo vi è il destino di ognuno di noi e non di un partito politico, in ballo non vi è la supremazia dei mercati ma la ragion d’essere di uno Stato che di sane e razionali politiche economiche si nutre per rispondere ai bisogni delle comunità. Alimentare la rabbia è da irresponsabili, coltivare l’odio è il baratro in cui vorrebbero spingere un Paese intero. Ecco perché è importante la partecipazione alla manifestazione dell’1 giugno: nessuno deve voltarsi dall’altra parte.

Gianluca Cuda, Segretario provinciale Catanzaro
Luigi Guglielmelli, Segretario provinciale Cosenza
Gino Murgi, Segretario provinciale Crotone
Giovanni Puccio, Coordinatore Federazione Metropolitana Reggio Calabria
Enzo Insardà, Segretario provinciale Vibo Valentia