Oliverio: l’onestà non si calpesta

    I primi commenti del governatore dopo la sentenza della Cassazione. Il legale Enzo Belvedere: l'obbligo di dimora è stato definito "fuorilegge"

    “E’ finito un lungo e freddo inverno. E’ arrivata la primavera. Verità e onestà non si calpestano”. Così, su twitter, il presidente della Regione, Mario Oliverio, commenta la decisione della Cassazione che, ieri sera, ha annullato l’obbligo di dimora disposto nei suoi confronti lo scorso 17 dicembre nell’ambito di un’inchiesta della Procura antimafia di Catanzaro su presunte irregolarità nella gestione di alcuni appalti.

    E intanto, ecco cosa dichiara uno dei difensori di Mario Oliverio, il legale Enzo Belvedere: “Sono davvero soddisfatto per un lavoro che era iniziato sin dal Riesame e che ha trovato un accoglimento totale delle tesi in Cassazione. La soddisfazione è ancor più grande sol se si consideri che lo stesso Procuratore Generale della Suprema Corte di Cassazione ha chiesto l’accoglimento del ricorso, definendo l’ordinanza violatrice delle leggi in materia cautelare sotto ogni aspetto”.