Regione: quattro Comuni chiedono la doppia preferenza di genere

Presentate le proposte di legge dei Consigli comunali di Catanzaro, Bovalino (Reggio Calabria), Verzino (Crotone) e Ricadi (Vibo Valentia)

Sono state depositate in Consiglio regionale le proposte di legge dei Consigli comunali di Catanzaro, Bovalino (Reggio Calabria), Verzino (Crotone) e Ricadi (Vibo Valentia) in favore dell’introduzione della doppia preferenza di genere nella legge elettorale della Regione Calabria. I testi, assegnati alla prima Commissione “Affari istituzionali e generali” del Consiglio regionale per l’esame di merito e alla seconda Commissione “Bilancio” per il parere, prevedono, in particolare, che alle elezioni regionali “in ciascuna lista nessun genere puo’ essere rappresentato in misura superiore al 60% del numero di candidati, a pena di inammissibilita’ dell’intera lista”. La proposta di legge in tema di doppia preferenza di genere a livello regionale e’ stata deliberata dal consiglio comunale di Catanzaro il 16 novembre scorso, dal Consiglio comunale di Bovalino il 23 novembre, dal Consiglio comunale di Verzino il 30 novembre e dal Consiglio comunale di Ricadi il 3 dicembre: le delibere dei Comuni di Bovalino, Verzino, Ricadi sono state unificate in un unico testo. Le proposte recano lo stesso titolo: “Misure di promozione e di riequilibrio di genere all’interno della legge elettorale regionale”. In base alle norme dello Statuto della Regione, il Consiglio deve discutere le proposte entro tre mesi.