《Gli stati generali alla Regione una grande delusione!》

Corbelli: i sindaci che chiudono le scuole esempio, invece, di coraggio, senso civico e responsabilità

Il leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli, definisce “una grande delusione il risultato degli stati generali di ieri alla Regione” e plaude invece “ai tanti sindaci, di piccole e grandi città della Calabria che, di loro iniziativa, stanno chiudendo tutte le scuole nei loro comuni, dimostrando grande coraggio e senso civico di responsabilità, che non hanno avuto le istituzioni regionali, che si sono invece comportanti come ….don Abbondio, senza coraggio, e Ponzio Pilato, lavandosene le mani”! E’ quanto afferma, in una nota, il leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli, che continua la sua battaglia, per la chiusura delle scuole, con una nuova “provocazione” sulla pagina Fb di Diritti Civili. “L’unica decisione che ieri dovevano assumere alla Regione, la immediata chiusura di tutte le scuole sino a Pasqua, per fronteggiare la violenta terza ondata e la contagiosissima variante inglese, che colpisce i più giovani, non l’hanno presa! Hanno fatto una riunione, a beneficio di telecamere e taccuini, senza alcun risultato concreto, importante, utile e immediato. Avevano super pubblicizzato questo incontro, caricandolo di grandi attese, avevano invitato praticamente tutti, ieri! Mancava solo che chiamassero pure… Draghi e Papa Francesco! Hanno invece poi ignorato l’emergenza scuole, nonostante proprio, l’altro ieri, lo stesso partito del presidente Spirlì, La Lega, per bocca del suo commissario in Calabria, Saccomanno, aveva sostenuto la pericolosità delle scuole e l’assoluta urgenza di chiuderle per scongiurare una strage di contagi tra i giovani! Esattamente quello che Diritti Civili va sostenendo da settimane. Tutti aspettavano ieri questo provvedimento importante e urgente. E invece è arrivata solo una grande delusione! Mentre il virus anche in Calabria corre veloce diffondendo il contagio e mietendo vittime. Con il rischio, vista la sofferenza delle strutture ospedaliere, oramai quasi collassate, di una catastrofe! Ma nemmeno questo li ha convinti a chiudere le scuole, cosa che, invece, per fortuna stanno facendo responsabilmente e meritoriamente tanti sindaci calabresi. Mi auguro che tutti i primi cittadini dei comuni calabresi seguano questo esempio》.