Cardioncologia, l’esperienza del dottor Vattimo

Francesco Vattimo

È tra i maggiori esperti italiani di Cardioncologia, una nuova branca della medicina che fonde le specialità di Cardiologia e Oncologia, è calabrese, ed è nato e cresciuto a Cetraro, dove ha frequentato il Liceo scientifico “Silvio Lopiano”, per poi iscriversi alla facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università “La Sapienza” di Roma.

Stiamo parlando del dottor Francesco Vattimo, un giovane e brillante cardiochirurgo, che da tempo vive e lavora a Bergamo, dove è aiuto-medico nel Reparto di Cardiologia della Casa di cura “San Francesco”, originario, appunto, della cittadina tirrenica, che sabato scorso, 26 maggio, a Milano, presso la Sala congressi dell’Hotel Ritz, è stato invitato a tenere una relazione su tematiche inerenti questa nuova branca della medicina, durante un importante congresso organizzato dalla SISMED (Società italiana di Scienze mediche).

Il dottor Vattimo è stato, pertanto, uno dei relatori del congresso, unitamente al suo primario, il dottor Elio Maria Staffiere, responsabile del Reparto di Cardiologia presso la Casa di cura “San Francesco” di Bergamo, consigliere nazionale della SISMED.

L’invito ai due noti professionisti è arrivato da parte del dottor Gabriele Catena, presidente della SISMED, nonché direttore di Branca del Dipartimento di Cardiologia territoriale dell’Asl di Teramo. Da sottolineare che sono ormai tante le aziende che, in questi ultimi anni, chiedono proprio al dottor Vattimo di parlare di questo argomento, visto che è ormai risaputo che egli è un vero esperto in materia. In particolare, il dottor Vattimo, nel corso del suo intervento, presentato e introdotto dal dottor Cesare Proto, direttore scientifico del Dipartimento di Medicina e Cardiologia dell’Istituto clinico “Sant’Anna” di Brescia, ha fatto una dettagliata relazione sul tema “Cardio-oncologia, cardiotossicità da terapie oncologiche e strategie di cardioprotezione” nel corso dell’VIII Seminario SISMED di aggiornamento multidisciplinare.

“Si tratta – ha dichiarato lo stesso dottor Francesco Vattimo, a proposito di questo evento – di un seminario nazionale SISMED, durante il quale terrò una relazione sulla cardiotossicità dei farmaci chemioterapici, argomento relativo, appunto, alla Cardioncologia, di cui da qualche hanno mi occupo. La cardioncologia è, come è noto, una nuova branca della medicina, che unisce le specialità di cardiologia e oncologia e permette una stratificazione del rischio cardiologico a cui va incontro il paziente che deve essere sottoposto a chemioterapia”.

“Tanti nuovi potenti chemioterapici – ha, poi, aggiunto il dottor Vattimo, entrando nel merito di questa interessante tematica – hanno purtroppo un effetto cardiotossico e, pertanto, la mia figura serve all’oncologo per somministrare un chemioterapico in relativa sicurezza!”.

Insomma, la partecipazione a questo evento medico di rilevanza nazionale rappresenta un ulteriore riconoscimento al merito e al talento di un giovane medico calabrese, un cetrarese doc. che, ogni giorno, mette il “cuore”, in ogni senso, nel suo lavoro ed è diventato, negli anni, anche punto di riferimento di tanti suoi concittadini e corregionali, che, troppo spesso, non possono usufruire alle nostre “latitudini” di strutture e professionalità adeguate ai propri problemi di salute.

CLELIA ROVALE