Aggrappatiacasa, condividi il tuo distillato preferito

Il progetto mira a costruire una grapperia on-line per il rilancio del settore

Tommaso Caporale

C’è chi canta e suona dai balconi, chi si inventa dirette sui social, chi prega. L’emergenza sanitaria ha scatenato le reazioni più inimmaginabili. Il mondo del vino e dei distillati sta attraversando il periodo più buio dopo la crisi del metanolo. Con il settore completamente blindato, le vendite non possono che affidarsi agli ordini on-line e la consumazione a domicilio.

E’ da questa premessa che nasce il progetto “Aggrappatiacasa” che attraverso una pagina Facebook si propone di costruire una grapperia on-line in base ai consumi dei fans: chiunque può pubblicare una foto di un distillato che ha degustato o vuole degustare durante questo periodo di isolamento forzato. La banca dati raccolta costituirà la prima carta dei distillati on-line fatta dalle segnalazioni degli utenti, che sarà pubblicata sulla pagina in futuro, per acquisti e consigli di degustazione.

Un progetto che vuole dare un segnale di sostegno al comparto del nostro distillato di bandiera, la grappa, promuovendo tutte le produzioni da Nord a Sud.

Il momento di degustazione di un distillato è uno dei più intimi e introspettivi. Mai come in questo periodo c’è bisogno di riflettere ed interrogarsi sulle nostre abitudini, rimettendo al centro la salute.

L’idea, messa a punto dal giornalista sommelier Tommaso Caporale, farà da preludio ad un prossimo corso di assaggio di grappe e acquaviti in Calabria, puntando l’attenzione sulla responsabilità del bere e le caratteristiche dei superalcolici.