“A un passo dal cuore”: inno alla vita, lode all’amore

Buona la prima. E’ davvero il caso di dire così. Perché il “battesimo” letterario di Daniela Santelli, autrice del romanzo “A un passo dal cuore”, è stato un successo, premiato dagli applausi dei tanti ospiti che hanno riempito la sala convegni della Tenuta “Villa dei Fiori”.

L’evento, moderato dal giornalista Carmine Calabrese, s’è aperto con la l’interpretazione della scrittrice Grazia Fasanella che, accompagnata da un melodico suono d’arpa, ha letto alcuni passi del romanzo. Poi, è toccato all’editore Jean Luc Bertoni, offrirsi alla platea, spiegando la scelta di accordare la fiducia all’autrice, investendo su di lei.

Una scommessa, umana e letteraria che permette, per la prima volta nella sua storia, alla casa editrice di Perugia, di varcare il centro Italia, sponsorizzando un’autrice calabrese, dando visibilità al calore del Sud. Bertoni ha, altresì, spiegato che “questo romanzo, gradevole, scritto con un linguaggio semplice, denso di emozioni, si “sintonizza” perfettamente con le logiche di una casa editrice che crede, fermamente, che un romanzo, un libro di narrativa o una raccolta di poesia, non siano solo un veicolo di profitto ma, soprattutto, un diffusore di emozione ed energia. Noi, come casa editrice, riceviamo, almeno, mille contributi. Questo libro mi ha e ci conquistati subito. Perchè, dentro non c’erano solo parole ed emozioni. Ma, cuore. Tanto cuore. Ed è questa la forza di questo romanzo”.

La regista teatrale Lia Calabria, nell’esporre la sua analisi del testo, ha evidenziato la profondità dei contenuti, raccontati magistralmente dall’autrice, capace di far sentire protagonista di quella storia, chiunque prenda in mano il libro e anche distrattamente lo sfogli”. Sulla stessa lunghezza d’onda, Giulia Biondino. La scrittrice, ha incentrato il suo intervento sulla bellezza stilistica del romanzo, sulla sua scorrevolezza narrativa e sulla determinazione di Giulia. Ma, ha sottolineato anche la solidità dei rapporti, soprattutto quelli forti, resistenti, stabili che Giulia costruisce, rinsalda con le donne. C’è anche tanta energia nella solidarietà femminile. Intensa, emozionante, toccante la performance dell’attore teatrale Mikael Santelli, magistrale interprete di «Sei Tu», poesia-capolavoro di Paulo Coelho. Da applausi, a scena aperta, la chiusura finale dell’autrice. Daniela Santelli, infatti, ha raccontato il suo romanzo, con la stessa semplicità e lo stesso trasporto emotivo, con cui l’ha scritto. «A un passo dal cuore» è un inno alla vita, è una lode all’amore, è un osanna alla sensazione estatica di innamorarsi.