Il “meglio di Calabria” in Giappone

Kermesse di "Gambero rosso" nel Sol Levante con il made in Italy in prima fila. A rappresentare il Paese anche il gruppo iGreco con il vino "Masino", giudicato uno dei migliori rossi in circolazione

A sinistra Saverio Greco e al centro Giancarlo Greco insieme alla rappresentanza italiana a Tokyo

Nel salotto buono e ambitissimo del “meglio d’Italia” a Tokyo, la megalopoli giapponese che diventa ancor più griffata quando l’occasione lo richiede, si parla di Calabria e di calabresi eccellenti. Trascinatori e mattatori del made in Italy nel mondo.

L’occasione è stata offerta dalla kermesse “Gambero Rosso”, come è noto la “bibbia” della ristorazione internazionale di qualità. Ristrettissimo il numero dei premiati e degli ospiti al “salotto” e gran lustro per la Calabria e i calabresi. Sotto gli occhi dell’ambasciatore italiano in Giappone, Giorgio Starace, e con di fianco i responsabili del ristorante Bulgari la Calabria è salita in cattedra in rappresentanza del made in Italy.

A cominciare dai fratelli Saverio e Giancarlo Greco, esponenti del gruppo iGreco che ha incassato i “tre bicchieri” (massimo riconoscimento) per il vino rosso “Masino“, giudicato tra i migliori al mondo. Vetrina anche per Elio Orsara, imprenditore cetrarese che di recente è stato nominato dal governatore Oliverio membro della Consulta chiamata a rappresentare i calabresi nel mondo.